Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

A Vasto 'Riuso', un negozio 'vintage' dove raccontarsi...

L'iniziativa imprenditoriale voluta da Annalisa Di Cesare e Amalia Di Filippo

Condividi su:

“Costruire il futuro con i migliori elementi del passato” è l’affermazione di Goethe ed anche l’imperativo di una coppia di intraprendenti donne che ha aperto a Vasto, in via Giulia, “Riuso”, il primo “Ri-generante” negozio “vintage”. 

Unite dall’amore per il bello in ricercati oggetti di alto artigianato di arredo, abbigliamento ed accessori di modernariato del 1900, l’architetto Annalisa Di Cesare e la raffinata signora Amalia Di Filippo sono le pioniere dell’affascinante genere “vintage” a Vasto.

Oggi tempo in cui la società è segnata da incertezze, le due donne hanno investito sulla ricchezza del passato per sfidare la crisi e ricominciare dal creativo compito di rimettere in campo mobili, oggetti, abiti  ed accessori “made in Italy” dallo stile unico rintracciabili in ricomposte storie individuali che ne contraddistinguono la unicità ed irripetibilità.

La moda vintage, richiestissima, è una realtà che si è affermata nel corso di questi ultimi anni, nel panorama commerciale italiano e rappresenta la ri-valorizzazione ed il rispetto per gli oggetti del passato che parlano di noi e della nostra storia. Il termine deriva dal francese “l’age du vin”, l’annata del vino, che fa riferimento al riutilizzo di un mobile, di un complemento di arredo e di oggetti tecnologici prodotti indicativamente 20 o più anni fa. "Cambiano i tempi e le mode e 'Riuso' è il negozio della memoria al passo con i tempi per nuovi tipi di clienti che sono alla ricerca di oggetti di alta manifattura e capi firmati ad un prezzo vantaggioso - dice Annalisa Di Cesare - per chi vuole dare alla propria casa un tocco di creatività ed originalità con pezzi di design vintage che si incontrino con armonia e creatività con l’arredo contemporaneo,  certamente troverà, nel nostro negozio, una ricca scelta di originali oggetti e soluzioni in complementi di arredo, prodotti tra gli anni ’50 e ’90, il cui design ha superato la prova del tempo ed ha acquistato un fascino maggiore rispetto a quello di uso comune”.

Sono presenti in un ricercato e raffinato atelier dal carattere retrò, suggestivi angoli chic dalla piacevole esposizione dove si incontra il bello da tenere in casa e da vivere in  oggetti originalissimi e in creazioni d’arte e di arredo che catturano le emozioni nel ricordo di un’epoca vissuta e più vicina ai nostri tempi. Il cliente può trovare suggerimenti, indicazioni e soluzioni di arredo per mescolare ed integrare con gusto, pulizia ed equilibrio, senza stravolgere tutto l’arredo, prodotti di epoca moderna, ma non più contemporanei, con arredi minimali ed anche classici. Potremmo trovare “pezzi d’autore” ricercati spesso disegnati da grandi architetti o designer capaci di creare oggetti moderni ed attuali ancora oggi, e perché no, anche pezzi tecnologici che non venivano progettati solo per un buon utilizzo ma che dovevano essere anche “belli” da guardare come i famosi televisori Brionvega, la radiosveglia a cubo, il telefono Erickson, i colorati frigoriferi dal design bombato e arrotondato, oggi copiatissimi. Talvolta, invece, può anche capitare di avere in casa questi tipici oggetti e mobili di modernariato e complementi, conservati in soffitta o in cantina, come eredità dei nonni o come ricco bottino di ricercati acquisti in famosi mercatini come ad esempio le sedie tipo Thonet, in legno curvato con la seduta in paglia un tempo comunissime in tutte le case, oggi  richiestissime da integrare con qualsiasi tipo di arredamento. Oppure i comuni annunci pubblicitari stampati su metallo e latta, diffusissime un tempo nei bar e nei locali tra gli anni '60 e '70 ed adesso perfetti nelle pareti da cucina e nelle camere dei ragazzi. Angoli spenti della nostra casa potranno impreziosirsi con lampade originalissime  come la lampada “disco ball” a specchio che si usava nelle discoteche anni ’60 e ’70, oggi vera icona integrabile in ogni tipo di ambiente.

Il negozio si caratterizza dalla vasta e ricercata scelta di abiti unici dove il gusto personale  e le emozioni ci  aiutano a ritrovare la “bellezza” in un vestirsi con creatività con pezzi unici  di alta sartorialità.

La scelta degli originali abiti presenti nell’esclusivo nell’atelier, curata con gusto, classe ed eleganza ci avvolge nel fascino di particolari manufatti artigianali, veri gioielli di irripetibilità ed unicità distanti dalla comune e, sempre più attuale e diffusa, produzione  di capi in serie industriale. “Ho sempre amato i capi di abbigliamento di alta manodopera, dalla ricercata manifattura, che avevano una storia nella particolarità di tessuti e nel valore nell’arte della  sartorialità - afferma Amalia Di Filippo, figlia d’arte di una storica  famiglia di artigiani orafi  e commercianti di Gissi - e li ho voluti riproporre alla nostra attenta clientela per ricondurla  alla riscoperta dell’amore e del rispetto del nostro passato artistico  ricco di creatività e passione”.

Una vera sfida verso la ri-presa del territorio e la ri-nascita di nuovi mercati e stili commerciali che rivalorizzano il prodotto artigianale con radici nella storia di prodotti “made in Italy”. Il “vintage”, uno stile senza tempo con un fascino tutto “retrò” che ha segnato una evoluzione e testimoniato un cambiamento del panorama del nostro quotidiano. Occorre creare una rete di negozi dai prodotti di originale creatività e ricercatezza dall’alta qualità manifatturiera che si distanzi dagli attuali e ricorrenti modelli industriali in serie. Il “vintage” uno stile senza tempo, dalla peculiare creatività ed originalità che farà da “trait d’union”  tra l’irrompente ricchezza di un passato piuttosto recente segnato dal  boom economico e la epocale ripresa economica che tutti affannosamente attendiamo.

Condividi su:

Seguici su Facebook