Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Siccità e produzioni agricole in calo, il conto di Coldiretti

Danni per 180 milioni di euro secondo una stima dell'organizzazione regionale di categoria

redazione
Condividi su:

Il 2022 è stato il più marcato da siccità degli ultimi 500 anni ed è costato all'agricoltura 6 miliardi di danni, il 10% della produzione agroalimentare nazionale, senza considerare gli effetti legati a mancanza d'acqua per ataviche carenze infrastrutturali.

In Abruzzo il danno per siccità ammonta a circa 180 milioni di euro, secondo una stima Coldiretti Abruzzo divulgata nel corso del convegno "Acqua: risorsa da gestire e conservare per la nostra produzione di cibo", al castello Orsini di Avezzano.  

A livello regionale, nel 2022 c'è stata una diminuzione di produzione di oltre il 40% per mais e foraggi per alimentazione di animali, del 20% sugli ortaggi, in particolare patate (con punte del 25%), del 20% per il latte nelle stalle, dal 40 al 60% per l'olivo. La produzione di miele registra un trend negativo da oltre dieci anni con produzione dimezzata nel 2022. In montagna profondo è il cambiamento del paesaggio, pascoli sempre più secchi e pozze per abbeverare gli animali asciutte per mancanza di pioggia e alte temperature.

"La siccità è diventata una calamità insostenibile con danni per quantità e qualità dei raccolti e ha rimesso al centro l'importanza di una materia prima indispensabile: l'acqua - commenta il presidente di Coldiretti Abruzzo Silvano Di Primio - Occorre garantire la disponibilità della risorsa idrica anche nei momenti di difficoltà. Gli agricoltori sono impegnati a fare la propria parte per promuovere l'uso razionale dell'acqua, lo sviluppo di sistemi di irrigazione a basso impatto e l'innovazione con colture meno idro-esigenti, ma non dobbiamo dimenticare che l'acqua è essenziale per mantenere in vita sistemi agricoli senza i quali è a rischio la sopravvivenza del territorio, la produzione di cibo e la competitività del settore alimentare. Occorre risolvere le problematiche dei consorzi di bonifica e realizzare il piano invasi per contrastare la siccità e aumentare la raccolta di acqua piovana, ferma all'11%. Abbiamo pronti, insieme ad Anbi e soggetti pubblici e privati, interventi cantierabili che garantiscono acqua per usi civili, produzione agricola e per generare energia. E' necessario trovare le risorse e calarle sul territorio".

Fonte Ansa

Condividi su:

Seguici su Facebook