Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Scuole in campo per il sostegno alla ricerca sul cancro

Prosegue il progetto "Stappiamo e Raccogliamo per l'Airc" coordinato dal prof. Nicandro Gambuto di cui capofila l'Istituto Comprensivo "Mattioli - D'Acquisto" di San Salvo

redazione
Condividi su:

Continua senza sosta il progetto interscolastico “Stappiamo e Raccogliamo per l’Airc" giunto quest’anno alla 14^ edizione. 

Infatti, qualche settimana fa è stato effettuato il primo prelievo e trasporto dei tappi di plastica dalle scuole di Vasto e San Salvo, presso la sede del Civeta di Cupello, con l’intervento dell’azienda Pulchra Ambiente a Vasto e dell’azienda Sapi operante a San Salvo. 

L’iniziativa culturale, che coniuga salvaguardia dell’ambiente alla solidarietà, ideata coordinata e diretta dal Prof. Nicandro Gambuto, docente di Scienze presso il Liceo scientifico dell’Istituto Omnicomprensivo “Mattioli - D’Acquisto” di San Salvo, vede coinvolte tutte le Scuole di Vasto, San Salvo, Cupello, Monteodorisio, l’IIS Vittorio Emanuele II e il Comprensivo 1 Mazzini di Lanciano e la collaborazione dei gruppi di protezione civile “Arcobaleno” di San Salvo, “Madonna dell’Assunta” di Casalbordino, di Mafalda, del Cai di Palombaro e del Centro Amazon di San Salvo che ha mostrato sensibilità per questa inziativa. 

In questi mesi è continua l’opera di sensibilizzazione nelle scuole del territorio del progetto, da parte del docente vastese, attraverso lezioni a titolo gratuito di educazione ambientale, aventi per oggetto il riciclo dei materiali, l’importanza della salvaguardia e la tutela del nostro ambiente anche attraverso l’ analisi di studi che indicano rischi sanitari legati alla diffusione delle microplastiche e la presenza sul territorio del Vastese di discariche abusive. 

Scuola capofila dell’iniziativa è l’Istituto Omnicomprensivo “Mattioli- D’Acquisto” di San Salvo, che con il suo dirigente Prof.ssa Annarosa Costantini e con tutti i docenti supportano l’iniziativa.  

“Nel corso di questi 14 anni di attività - afferma Gambuto - sono stati recuperati tappi, per un totale di circa 51 tonnellate, sottratti alle discariche e destinati al recupero. Qualche settimana fa l’Airc Delegazione Abruzzo e Molise ha ricevuto la donazione di 500 euro direttamente dal Consorzio Civeta di Cupello frutto della raccolta di ben 2 tonnellate di materiale riciclato e recuperato durante l’inizio del nuovo anno scolastico e che si aggiunge ai 310 euro donati direttamente dall’azienda Ecolan di Lanciano lo scorso mese di dicembre 2022. 

Con il recupero dei tappi di plastica e con l’organizzazione e la promozione anche del torneo interscolastico di calcio a 11 “Segniamo e Doniamo per l’Airc”, con l’iscrizione di squadre miste formate da alunni, docenti, genitori e personale ATA, che quest’anno si disputerà dopo i tre anni di stop a causa della pandemia, le Scuole continueranno a raccogliere fondi per la ricerca oncologica supportando le attività della Delegazione Airc Abruzzo Molise, diretta dalla Dott.ssa De Cecco

Un particolare ringraziamento al Civeta, alle aziende Sapi e Pulchra, a tutti i dirigenti scolastici, i docenti, il personale ATA, i volontari, gli alunni e le loro famiglie, che condividono con me entrambe le iniziative e che ci permettono da un lato di aiutare la ricerca e dall’altro di educare i giovani alla solidarietà, attraverso la salvaguardia dell’ambiente e la pratica del gioco del calcio con l’organizzazione del torneo di calcio che rende unito e festante un intero territorio di studenti. Parteciperà al torneo quest’anno anche la squadra della scuola l’IIS Vittorio Emanuele II di Lanciano. Con il patrocinio dei Comuni di Vasto e San Salvo, che ringrazio per la fattiva e proficua collaborazione, stiamo organizzando un grande evento finale del torneo di calcio allo Stadio di Vasto con la presenza di ospiti del mondo del calcio e dello spettacolo che parteciperanno alla finale che si svolgerà nell’ultima decade di maggio 2023.. Invito tutti i cittadini a recuperare i tappi di plastica per consegnarli, tramite gli studenti, nelle rispettive scuole

Cambiare si può - conclude il prof. Gambuto - per il bene comune e per la crescita umana e professionale nei nostri giovani”.

Condividi su:

Seguici su Facebook