Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

MotoGP, un grande Iannone illude in Olanda e chiude nono

Segnali di ripresa per il pilota vastese, che prova una splendida rimonta ma è costretto a cedere. Doppietta italiana Rossi-Petrucci, terzo Marquez

Condividi su:

Sembrava esserci finalmente una bella promozione per Andrea Iannone, da ottenere tra l’altro in quella che viene generalmente definita l’Università del motociclismo. Invece anche oggi il pilota vastese ha ottenuto suo malgrado l’ennesima bocciatura, stavolta ancora più scottante perché sopraggiunta dopo aver provato una rimonta bellissima, tenace e coraggiosa.

Nel GP d’Olanda disputato ad Assen, Iannone è stato così costretto ad accontentarsi di un comunque discreto nono posto: a vincere è stato Valentino Rossi, seguito da uno scatenato Danilo Petrucci e da Marc Marquez. In ottica mondiale, da rilevare la caduta di Maverick Vinales, che permette ad Andrea Dovizioso di issarsi in testa alla classifica piloti.

La gara, partita insolitamente alle ore 13 a causa della concomitanza con il Gran Premio di Formula 1, vede Iannone scattare dalla 16esima posizione davanti al compagno di squadra Rins. Ottimo lo start del pilota di punta della Suzuki, che recupera ben sette posizioni già a metà del primo giro. Alla seconda tornata, Iannone sopravanza anche Crutchlow, ponendosi alle spalle dell’ex compagno di squadra Dovizioso, vincitore delle ultime due gare, il quale viene sorpassato poco dopo grazie a una grande e rischiosa manovra di forza del vastese. Al decimo giro, Iannone si ritrova però di nuovo nelle retrovie, precisamente in decima posizione, dopo aver sperato legittimamente di raggiungere il quartetto di testa Zarco-Marquez-Rossi-Petrucci.

La pioggia intanto scombina molte delle carte in tavola e vede sopraggiungere nelle prime posizioni un arrembante Dovizioso, che si ritrova per qualche giro anche a lottare per la vittoria. A catalizzare l'esclusiva attenzione sugli ultimi giri della gara è però soltanto lo splendido duello Rossi-Petrucci, che vede infine il nove volte campione del mondo trionfare di pochissimo sul pilota ternano.

La speranza, per Iannone, è che si possa migliorare definitivamente dalla prossima gara del Sachsenring (Germania), mettendo finalmente a frutto i timidi e incoraggianti segnali di ripresa registrati oggi.

Condividi su:

Seguici su Facebook