Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Due anni di pandemia in prima linea

L'esperienza dell'Unità di Malattie Infettive del 'San Pio' di Vasto nelle parole delle dott.sse Sciotti e Antonelli e dell'infermiere Febbo

Condividi su:

Due anni di pandemia vissuti in prima linea, ci guardiamo indietro rivivendo gli inizi della pandemia, le prime notizie dalla Cina e poi il primo caso italiano, il rapido aumento delle segnalazioni fino al primo paziente ricoverato nel nostro Reparto di Vasto.

Nessuno era pronto a quello che stava accadendo nel mondo; gli infettivologi sanno perfettamente che una pandemia può verificarsi in qualsiasi momento, ma nessuno di noi avrebbe mai immaginato di ritrovarsi nel bel mezzo di una “emergenza” di tale portata da stravolgere la sanità, la società e l’economia del mondo intero.

Il nostro Paese e il nostro sistema sanitario hanno affrontato e affrontano una sfida enorme e senza precedenti, che ha acuito tutte le criticità preesistenti. La “sfida” ha sgretolato il nostro senso di onnipotenza all’interno di una società iperconnessa e globalizzata. Le più profonde paure si sono materializzate e tutti abbiamo dovuto riscoprire e accettare la nostra vulnerabilità di fronte all’imprevedibilità della vita e alla ineluttabilità della morte.

È stato ed è molto difficile.

Nel nostro Reparto abbiamo toccato con mano tanta sofferenza dovuta alla malattia, alla solitudine e all’isolamento dei pazienti e di noi operatori. Affrontare quotidianamente un numero crescente di malati, provenienti da tutto il territorio di Vasto e dal vicino Molise, con quadro clinico complesso e sconosciuto, con la paura di contagiarsi, ha messo a dura prova le nostre capacità fisiche e professionali.

Noi operatori sanitari sempre in ospedale, supervestiti come “astronauti” e senza più la cognizione del tempo, durante il lockdown percorrevamo sgomenti le strade deserte di Vasto insieme solo alle forze dell’Ordine ; con incertezza e stanchezza vedevamo alle finestre i commoventi messaggi: “Andrà tutto bene” e gli arcobaleni di solidarietà.

Poi anche da noi i pazienti sono aumentati in maniera considerevole; le loro storie, i loro occhi spaventati, la loro solitudine, il loro bisogno di essere assistiti e rassicurati ci hanno colpito profondamente. Non è possibile dimenticare la sofferenza degli anziani che sono purtroppo morti senza avere il conforto di un familiare, le preghiere da noi recitate sulle loro salme prima di consegnarli all’obitorio.

Non è possibile dimenticare l’impotenza da noi provata con la frustrazione commista a rabbia quando alcuni pazienti sono stati trasferiti in Rianimazione e non “ce l’hanno fatta”.

Eppure, facendo oggi un bilancio con la pandemia ancora in corso e con l’attuale disponibilità di vaccini e terapie efficaci, possiamo dire di aver vissuto anche tante emozioni positive e gratificanti che conserviamo gelosamente nella memoria.

La nostra gioia di “Persone e Operatori sanitari” che combattevano e continuano a combattere questo terribile virus “ prepotente e letale” è impagabile riguardo ai momenti in cui i pazienti, dopo giorni e giorni di ossigenoterapia ad alti flussi e lunghe ore passate in scomode posizioni di pronazione, cominciavano a migliorare e iniziava il processo di guarigione; per non parlare del commovente momento del ritorno a casa.

Siamo stati ripagati dai sorrisi e dalla riconoscenza dei pazienti, abbiamo ricevuto la generosità e la solidarietà di tutta la comunità anche con numerose donazioni.

È da febbraio 2020 che lottiamo e resistiamo per “Salvare Vite“.

E continuiamo a resistere. Siamo innamorati del nostro lavoro nonostante le difficoltà e i contagi che abbiamo avuto fra il nostro personale in epoca pre-vaccinale.

L’Amore sconfigge la paura. Attualmente confidiamo moltissimo nell’adesione della popolazione alla campagna vaccinale e nella ricerca scientifica per poter presto sconfiggere completamente il Covid-19.

Nella nave della Fede e dell’Amore navigheremo tutti senza timore. Non molliamo.

Dott.ssa Maria Pina Sciotti

Dott.ssa Simona Antonelli

Infermiere Pierpaolo Febbo

 

Condividi su:

Seguici su Facebook