Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Turismo, l'assessore Sputore fa il punto sul lavoro da fare per la nuova stagione

Per la gestione degli eventi più importanti affidamento tramite gara

Condividi su:

Domani scade il termine per privati, associazioni e gruppi che vogliono presentare proposte per il calendario degli eventi estivi e, sempre domani, l’assessore Vincenzo Sputore inizierà il giro di incontri con operatori del turismo e associazioni di categoria. Siamo ai primi di giugno, il tempo stringe e a complicare il lavoro ci sono anche la carenza di risorse e l’impossibilità di quantificarle, dato che non c’è ancora il bilancio preventivo.

“Siamo strapieni di proposte – spiega Sputore – ma c’è l’impossibilità di decidere al cento per cento perché senza bilancio preventivo non so quali risorse avrò a disposizione”. Intanto si lavora per un calendario provvisorio, quello che dovrà coprire il mese di giugno ed essere disponibile per i giorni dello spettacolo delle Frecce Tricolori: ci saranno sicuramente tutti gli appuntamenti a cui il Comune non deve contribuire, se non concedendo ad esempio le strutture, e quelli già preventivati o che sono eventi fissi.
L’assessore infatti rassicura: “Gli appuntamenti consolidati ci saranno anche quest’anno”. Tanto per citarne alcuni: il Vasto Film Festival, il Toson d’oro o il Mese del brodetto.
Se questi sono certi, è altrettanto sicuro che per il calendario estivo le somme a disposizione sono minori: “So già che partiremo con il 20-30% in meno delle risorse rispetto al passato”, dichiara. Anche per questo sarà fondamentale organizzarsi bene, come pure preziosa sarà la collaborazione degli operatori. “Intanto voglio cambiare sistema – annuncia -: vorrei affidare tramite gara gli eventi consolidati, quelli più importanti, partendo per tempo e lavorando su proposte migliorative”. Potrebbe rientrare nel nuovo metodo con gara, ad esempio, il Film festival.

Poi c’è l’aspetto collaborazione: “Domani ci sarà l’incontro con le associazioni di categoria, poi con gli operatori”, dice Sputore sottolineando che la delega al turismo gli è stata affidata solo da poco e che lui è intenzionato a sentire tutti i possibili interlocutori. Un confronto che durerà circa una settimana e dal quale si aspetta di ricevere non solo indicazioni di criticità ma anche suggerimenti pratici e idee: “Va bene indicare i problemi, ma bisogna anche dire come superarli”. Il punto è che se la crisi si fa sentire sulle attività commerciali, pesa pure sull’Amministrazione perciò collaborare è indispensabile: “Se un evento rischia di saltare perché non ci sono le risorse deve venire un aiuto sostanzio anche dagli operatori. Vanno bene i pacchetti con gli sconti, ma è utile anche un contributo economico. Questo ovviamente implica che ci sia una programmazione fatta bene e che ci si muova per tempo”.

Sui temi caldi che d’estate tornano sempre, orari della musica e aperture dei negozi, non si sbilancia: “Ci sarà una conferenza di servizio con l’ufficio commercio, la Polizia municipale e le forze dell’ordine per capire cosa si può fare, quali sono le problematiche e come affrontarle. Ad esempio, allungare l’orario della musica implica altre cose, come la vigilanza e occorre capire se si possono allungare i turni di controllo delle forze dell’ordine”. Di una cosa è sicuro: “Non vorrei far fuggire i nostri ragazzi da Vasto, anzi dovremmo attirare quelli dei centri vicini. Questo non è legato solo alla musica, ma anche ad altri fattori. Serve un lavoro di concerto con tutte le tipologie di locali, dal bar alla discoteca”. Poi aggiunge: “L’importante è che se c’è una regola venga rispettata. Comunque ascolterò le varie richieste”. Pure sulle aperture serali dei negozi è cauto: “Devo confrontarmi con il collega del commercio per capire se è fattibile”.

Bene divertimento e shopping ma Sputore punta anche sul turismo religioso e culturale: “Mi piacerebbe ad esempio parlare con i parroci per capire se è possibile tenere più aperte le Chiese in centro, magari le maggiori, organizzando dei turni di controllo con la protezione civile. Poi vorrei rivedere le aperture dei musei”.
Lavoro intenso quindi, ma fra non molto dovrebbe esser pronto un calendario provvisorio.

Condividi su:

Seguici su Facebook