Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Fausto Leali, il concerto a Monteodorisio

Tutti in coro con le sue canzoni!

Condividi su:

Ieri sera, 04/09/2022, a Monteodorisio in onore della Festa di San Rocco e della Madonna delle Grazie si è svolto il concerto di Fausto Leali, accompagnato da ottimi musicisti: Tony Moffa (batteria), Nicola Maffione  (pianoforte), Vito Berteramo  (Tastiere e programmazioni), Sergio Picucci    (Basso) e Francesco Loparco  (chitarrista ) che come vedrete dal video mi ha accolto su palco in “modo molto disteso”!

Nel suo repertorio ci sono canzoni che hanno fatto la storia della musica leggera italiana, intonate a gran voce da tutto il pubblico presente che ha riempito piazza Umberto I e la strada antistante. 

Leali, appena arriva, si rende subito disponibile per fare le foto con il comitato organizzatore e le varie cariche istituzionali che lo accolgono calorosamente

Il cantante nasce nel 1944 a Nuvolento in provincia di Brescia e finite le scuole elementari, trova lavoro in una salumeria. A tredici anni entra a far parte dei Novelty, un complesso locale che si esibisce nelle sale da ballo. Nel 1967 con “A chi”, cover di “Hurt” di Timi Yuro, arriva il suo primo grande successo! Nel 1968 il suo primo Sanremo con “Deborah” e nello stesso anno la sua interpretazione di “Angeli negri” gli fa raggiungere il terzo posto in classifica nelle vendite nazionali. Tanti i successi originali ed interpretativi che si susseguono negli anni, questi tra i titoli piu’ famosi: “Mi manchi”, “Io amo”, “Io camminerò”, “Malafemmina”, “Un’ora fa”, “Quando ami una donna” e “Ti lascerò” con cui vinse Sanremo nel 1988 duettando con Anna Oxa. Ieri sera invece l’abbiamo ascoltata dalla splendida voce di sua moglie Germana Schena che gli fa da vocalist nei concerti. A  Germana va un mio ringraziamento speciale per avermi voluto sul palco a riprendere durante il concerto, suscitando sorpresa soprattutto in mio figlio Antonio che mi ha ripreso dal pubblico.                                                                                                                                                            

Articolo, foto e video di Lino D'Avino

Condividi su:

Seguici su Facebook