Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

A Cupello la 'Tombola dei soprannomi'

“I soprannomi sono un’eredità da preservare”

Condividi su:

A Cupello il desiderio di riscoprire tradizioni del passato non si ferma.  

Mercoledì 5 gennaio, alle ore 16.30, nella Sala Consiliare del Palazzo comunale, verrà presentata la tombola dei soprannomi cupellesi, denominata Di chi ssi lu fije”. Al suo interno, infatti, a ogni numero, da 1 a 90, corrisponde un soprannome che identifica una famiglia di Cupello.

Anticamente, gli abitanti del paese erano soliti utilizzare questi nomignoli, che poi sono entrati nell’immaginario collettivo e sono ormai parte della cultura del paese. Inoltre, dietro ognuno di questi, sono sepolte storie di vita quotidiana, di amori e matrimoni, di amicizie e inimicizie paesane.

L’idea è nata dal Gruppo di Ricerca della Biblioteca Comunale di Cupello, in collaborazione con l’Assessore alle Politiche Sociali Giuliana Chioli e con l’Amministrazione comunale. Nelle scorse settimane, sono stati individuati circa 200 soprannomi, prendendo spunto dal libro “Gente bbona, bbona gente”, della maestra Laura Fiorentina Fabrizio. Tra questi, la scelta è ricaduta su quelli più diffusi e rappresentativi di più nuclei familiari. Nei giorni scorsi, la tombola è stata creata, manualmente, dallo studio Photorama e verrà donata al Circolo Comunale Centro Anziani di Cupello.

L’evento del 5 gennaio sarà l’occasione per giocare insieme con la nuova tombola, per scambiarsi gli auguri di buon anno e per ricordare personaggi e storie di cupellesità. 

Si ricorda di portare mascherina e Green Pass.

Condividi su:

Seguici su Facebook