Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

I versi in dialetto vastese di Fernando D’Annunzio per la ricetta della Cicciricchiate

“Ugge, nghi ‘štu tuèmbe, štétev’ a la cäse e, se nin tinéte addre da fä’, facéte la ciciricchiäte…”

Redazione
Condividi su:

Tempo di Carnevale e il poeta Fernando D’Annunzio propone non tanto la ricetta ma la metodologia di realizzazione della “Cicicchiate” ovviamente in dialetto vastese, per tutti gli appassionati di questo dolce antico dedicato ai bambini con i prodotti del territorio.

Considerato il maltempo e il freddo pungente della giornata da il consiglio: “Ugge, nghi ‘štu tuèmbe, štétev’ a la cäse e, se nin tinéte addre da fä’, facéte la ciciricchiäte…”

 

La Ciciricchiate

Fa’ nghi la paste tanda curdullucce,

doppe li teje a pallucce a pallucce,

fa scallà bbone l’uje a la fissore

e frije fin’ a cchè divende d’ore.

Nghi lu miele l’ammisch’ a ccall’ a ccalle,

doppe l’aggiuste a forme di taralle.

Ci pu mette, se vvu’, ddu’ minnillucce

E l’abbillisce nghi li cumbattucce.

Dopp’ a lu fresche fall’ aripusà…

Mo c’è rimaste sole da magnà.

Lu Carnivale nin è fistiggiate

Quande ci manghe la ciciricchiate!

 

Dice Fernando D’Annunzio : “Il Carnevale non è festeggiato quando ci manca la Ciciricchiate!

E voi avete preparato questo dolce carnevalesco?

Condividi su:

Seguici su Facebook