Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Francesco Di Nanno (Kekko)

Condividi su:

Oggi è il 7 settembre, data importante perché tu, Francesco, compi 18 anni.

Sei diventato grande!

Ti ricordo piccolo che dormivi nel carrozzino e mamma Eva mi diceva le era nato un bambino speciale di nome Francesco. Eri tu quel piccolo bimbo ormai, oggi, diventato il grande omino della famiglia Di Nanno.

Pian piano sei cresciuto con la tenacia e la forza di mamma Eva, l’amore delle sorelle Sonia, Luisa e Sara e l’allegria di papà Ivano con il quale monti spensierato in moto. Sei sempre stato attento alla lista della spesa da riportare a casa e puntuale mangione a tavola con wurstel e coca cola.

Strada facendo hai imparato a leggere e scrivere con il maestro Andrea al tuo fianco e tanti compagni di scuola che ti hanno voluto bene ed adesso sei nella scuola degli artisti e so che vuoi diventare un grande pittore! Sei sempre stato allegro con le tue simpatiche battute e hai portato la gioia nel cuore nella tua famiglia e in quanti ti conoscono.

Ricordi Kekko quando siamo andati al mare, io e te, a Punta Penna? Un pomeriggio speciale e diverso per me, con te, al mio fianco. Abbiamo giocato a racchettoni, mangiato delle merendine e, al ritorno con il traffico e la fila delle macchine, abbiamo giocato con le marce della fantasia. Abbiamo immaginato di avere una macchina con le marce con eliche volanti che azionate sorpassavano in aria la lunga fila di macchine. Abbiamo riso tanto e tu guardandomi con stupore mi hai detto “Tu sei proprio matta!!!”. Ed è proprio nel traffico, di fronte ad uno stop nel vialone histoniense, che ti ho riconosciuto in un manifesto grande come te, che pubblicizzavi le delizie del forno di nonna Chiara insieme al comparuccio, compagno di giochi e vicino di casa Leonardo.

Meraviglioso, sei un ragazzo grande che ha portato la gioia ed il sorriso nella tua famiglia e in genitori speciali ed in sorelle uniche.

Auguri Kekko e a tutta coca cola e wurstel a te che sei un ragazzo fortunato nato con la camicia.

Con affetto a te Kekko, da mamma Eva, papà Ivano, Sonia, Luisa, Sara e dalla vicina del terzo piano, da te simpaticamente chiamata “bonazza” Miry.

Condividi su:

Seguici su Facebook