Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

L'abbraccio della comunità al nuovo parroco don Gianni Carozza

Cerimonia d'ingresso nella chiesa di San Marco Evangelista

Condividi su:

Una chiesa gremita di fedeli e di tanti parenti e amici, venuti da Tornareccio e da Chieti, ha accolto, ieri venerdì 26 settembre, l’ingresso del nuovo parroco don Gianni Carozza nella comunità di San Marco Evangelista a Vasto.

Nelle prime file dei banchi hanno preso posto il papà e la mamma di don Gianni, visibilmente commossi, e le autorità, tra cui il sindaco di Vasto Luciano Lapenna, il presidente del Consiglio comunale Giuseppe Forte, l’assessore Nicola Tiberio, il sindaco di Tornareccio Remo Fioriti e il suo vice Nicola Pallante.

La Messa di insediamento, concelebrata da ben 38 sacerdoti (più don Gianni), è stata presieduta dall’arcivescovo monsignor Bruno Forte ed è iniziata con un significativo canto vocazionale, appropriato all’evento: “Tu Dio che conosci il nome mio / fa che ascoltando la tua voce / io ricordi dove porta la mia strada / nella vita all’incontro con te”.

Dopo il bacio dell’altare da parte dei concelebranti, ha preso la parola don Gino Smargiassi che ha voluto salutare tutti i presenti, richiamando, poi, il suo impegno di questi 13 anni nel mettere le fondamenta materiali e spirituali della comunità di San Marco, ed invitando a pregare per don Gianni, che inizia l’importante lavoro pastorale nella nuova realtà vastese, e per lui che desidera trascorrere con serenità interiore questo ultimo periodo della sua vita sacerdotale.

E’ stato lo stesso vescovo a presentare il nuovo parroco alla comunità, assieme alle consorelle della Missione della Dottrina Cristiana, sottolineando che “nella successione e nella continuità del ministero si esprime l’indole pastorale della Chiesa, in cui Cristo vive e opera per mezzo di coloro ai quali il vescovo affida una porzione del suo gregge”. Dal Cancelliere monsignor Massimo D’Angelo è stata fatta, quindi, la lettura del decreto di nomina, a cui tutti hanno dato il loro assenso rispondendo: “Rendiamo grazie a Dio”. Sono seguite l’invocazione allo Spirito Santo, la preghiera di benedizione e, su esplicito invito del vescovo, l’aspersione dei fedeli e l’incensazione dell’altare da parte di don Gianni. La Messa è proseguita con il canto del Gloria e la liturgia della Parola. All’omelia Forte ha evidenziato come il testo, tratto dal libro di Qoèlet, se da una parte indica la caducità della vita, evidenzia dall’altra anche che Dio “ha fatto bella ogni cosa a suo tempo”. Per cui, se tutto viene vissuto alla presenza di Dio, diventa un’esperienza di vita e di amore. Rivolto a don Gianni, Padre Bruno ha aggiunto: “Penso alla tua vita adolescenziale, alla tua famiglia, al paese d’origine Tornareccio, al tempo del Seminario, al periodo del sacerdozio e di formatore di aspiranti al sacerdozio. Oggi per te c’è un tempo nuovo: quello della grazia di essere pastore in mezzo al popolo”.

A don Gino il vescovo ha ricordato che il Signore anche per lui ha fatto “bella ogni cosa”. Lo ha, pertanto, invitato a proseguire su questo cammino di bene e di amore per Cristo e per i fratelli. 

Terminata l’omelia, don Gianni ha rinnovato le promesse fatte nel giorno della sua ordinazione, rispondendo con un pronto e generoso “Sì, lo voglio, con l’aiuto di Dio” e con la promessa di portare filiale rispetto e obbedienza al vescovo e ai suoi successori.

Il sacro rito si è concluso con i saluti finali. Il sindaco di Vasto Luciano Lapenna ha formulato vivissimi auguri a don Gianni, assicurando l’impegno della città di aiutarlo nei momenti di bisogno. Ha detto, poi, a don Gino: “Ti dico grazie per il bene fatto nella cura spirituale di tante anime. Hai fatto molto per questa città, che ti sarà riconoscente per l’aiuto che hai dato. Sei e rimarrai un grande punto di riferimento”. Il presidente del Consiglio Peppino Forte, porgendo anche lui gli auguri più sentiti, ha offerto a don Gianni un libro sulla storia di Vasto. La responsabile della Congregazione della Dottrina Cristiana, suor Maria Grazia Rosace, venuta espressamente da L’Aquila, con altre consorelle, ha spiegato il triplice scopo della Congregazione, in particolare quello di insegnare la Dottrina Cristiana ad ogni ceto di persone, carisma, questo, che ha spinto ad accettare l’invito di far venire tre consorelle (Suor Anna PieraSuor Aurora, Suor Domenica) nella Comunità di San Marco.

Particolarmente sentite le parole pronunciate dal giovane Cesare Altieri a nome di tutta la comunità. “Un grazie – ha esordito Altieri - lo rivolgiamo al Signore che ci ha concesso
per tanti anni il dono di don Gino. Caro don Gino, grazie per averci cullato nel tuo amore incondizionato per tutti questi anni, grazie perché nel tuo amore ci hai fatto assaporare l'amore di Dio facendoci un grande regalo: questa chiesa e le tantissime strutture parrocchiali che fanno da splendida cornice alla casa di Dio. Questa chiesa, che tu hai fortemente voluto, ha contribuito a porre le fondamenta di questa comunità e con essa resta la tua impronta che si conserverà indelebile nei cuori e nella memoria di ciascuno di noi. E ora tocca a te, caro don Gianni, - ha continuato Altieri - a te rivolgiamo il nostro più caloroso e sincero benvenuto nella nostra comunità parrocchiale di San Marco Evangelista. Le tante braccia aperte che ti hanno accolto in questa giornata sono il segno che questa comunità vuole stringersi a te; da qui e per tutti gli anni che verranno, per camminare insieme dietro la tua paterna guida spirituale alla costante ricerca del Cristo vivo che quotidianamente da te sostenuti vogliamo incontrare. Simbolicamente affidiamo questa campanella, segno della voce di Dio e segno tangibile della tua nuova esperienza pastorale, che ci auguriamo possa risuonare nei cuori di tutti i componenti di questa
comunità parrocchiale, vicini e lontani”. 

Altieri ha concluso: “Un benvenuto di cuore anche alle suore: ci accompagneranno in questo impegnativo, ma gioioso cammino di condivisione e di amore. Pregheremo per loro e per te, don Gianni, affinché il Signore vi protegga e vi custodisca in integrità e sapienza, a beneficio vostro e dell'intera comunità di San Marco”.

Don Gianni ha ringraziato tutti i presenti (un grazie particolare lo ha rivolto al vescovo, a don Gino, a don Camillo, alle autorità intervenute, alle suore, ai parenti, ai fedeli di Tornareccio, ai confratelli sacerdoti, ai seminaristi, al coro e, soprattutto, ai suoi genitori), chiedendo collaborazione e concludendo: “Vogliatemi bene, anche se ho i miei difetti. Sono giovane, privo di esperienza, ma sono molto volenteroso. Che questa comunità sia una vera famiglia, dove c’è attenzione per tutti in particolare agli ultimi”.

Prima della benedizione finale del Vescovo si è data lettura del telegramma augurale di Papa Francesco.

Un ricco buffet, preparato nei locali della parrocchia, ha dato alla serata un tono di maggiore amicizia e convivialità.

Condividi su:

Seguici su Facebook