Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Presepio Vivente tra i vicoli: tre gli appuntamenti del periodo festivo

Il debutto della 16^ edizione il pomeriggio-serata del 26 dicembre

redazione
Condividi su:

Confidando nella clemenza del tempo, saranno tre gli appuntamenti – anche in questo periodo festivo natalizio – per il Presepio Vivente di Vasto, che verrà allestito nel consueto scenario del centro storico tra Palazzo d'Avalos, la Loggia Amblingh ed i vicoletti di Santa Maria Maggiore.

Prima tappa nel giorno del 26 dicembre, Santo Stefano, dalle 17,30 alle 20,30.

Poi le repliche del 1° gennaio e del 6, stessi orari.

Al lavoro per la rappresentazione, da tempo, si è posto l'apposito Comitato, da quest'anno coordinato da Antonio Petruzzelli.

Il Presepio Vivente vastese raggiunge tra la fine di questo 2014 e l'inizio del 2015 il numero delle 16 edizioni. Negli anni si è confermato come una delle iniziative del genere maggiormente attese e che fanno registrare sempre notevoli e significativi riscontri, in termini di partecipazione, da parte del pubblico.

Tradizionale l'itinerario: ingresso dai Giardini Napoletani di Palazzo d’Avalos, successivo percorso fra i caratteristici vicoli della zona con le scene degli antichi mestieri, grotta della Natività in un caratteristico locale sulla Loggia Amblingh e uscita da piazza del Tomolo, al lato della chiesa di Santa Maria Maggiore. Il tutto accompagnato da profumi e sapori tipici e le note musicali di gruppi e corali della città.

Saranno quasi 200 i figuranti che prenderanno parte alle tre rappresentazioni. A dar manforte al Comitato promotore in questa 16^ edizione ecco anche l’Università delle Tre Età, la fattoria sociale Il Recinto di Michea, la sezione cittadina dell’Anmi, l'Associazione Nazionale Marinai d’Italia, il Circolo Ippico Jack O’Neill, l'azienda Informatica Barone Michele, le parrocchie di S. Maria Maggiore, San Giuseppe, San Lorenzo, Santa Maria del Sabato Santo, l'Istituto San Gabriele, le associazioni Pagliarelli e San Lorenzo, la Confraternita della Sacra Spina e del Gonfalone ed il Gruppo comunale di Protezione Civile.

Condividi su:

Seguici su Facebook