Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

'Antichi mestieri in Abruzzo e Molise': testi e foto di Michele Calvano

La presentazione del volume nella Pinacoteca di Palazzo d'Avalos

Condividi su:
Presso la Pinacoteca del Palazzo d’Avalos è stato presentato il volume “Antichi mestieri in Abruzzo e Molise”, di Michele Calvano, edito da 'Il Torcoliere'. Ha coordinato l'incontro il giornalista Pino Cavuoti, direttore de 'Il Nuovo Molise' che introducendo ha espresso note di grande apprezzamento per il lavoro fatto da Calvano in tanti anni di ricerca. Il saluto della Regione Abruzzo - che ha contribuito alla realizzazione dell'opera - è stato portato dal consigliere Antonio Prospero, in rappresentanza dell'assessore alla Cultura De Fanis. Per il Comune di Vasto è intervenuta l'assessore alla Cultura Anna Suriani L'autore Michele Calvano ha ringraziato la Regione sia per la partecipazione al progetto che per la scelta fatta di distribuire il libro nelle scuole. Poi ha preso la parola Emiliano Giancristofaro, studioso di nota fama, che ha curato la prefazione dell'opera. L'antrologo, nella sua approfondita disamina degli antichi riti di lavoro, in sostanza ha detto che una comunità che non tiene alla sua storia è una comunità senza futuro. Ed ha avuto parole di grande stima verso Calvano che da decenni ricerca su questo campo. Indagine meticolosa di testimonianze inerenti alla civiltà contadina e alle attività artigianali ad essa connesse, con il grande scopo di contribuire a preservarne la memoria. Tutte immagini di mestieri ormai scomparse che suscitano grande emozione e soprattuto fissano sulla pellicola la cornice econiomica in cui si svolgevano. Ultimo intervento quello di Laura Calvano, figlia dell'autore, che ha curato i testi per la descrizione degli antichi mestieri. La professoressa ha spiegato la genesi del libro e le scelte fatte per il progetto editoriale, perché gli scatti fatti dall'autore in oltre 30 anni sono migliaia e miglaia e bisognava fare delle scelte. Il nucleo centrale del libro è rappresentato dai lavori legati al mondo contadino. Un mondo che non c'è più, ma che è vivamente presente nella documentazione fotografica che ne preserva la memoria e lo consegna alla storia. Nella foto principale di Massimo Molino Laura Calvano, il prof. Giancristofaro, Michele Calvano e Bruno D'Adamo dell'Editrice Il Torcoliere
Condividi su:

Seguici su Facebook