Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

'I sentieri dell'eremo dannunziano', un compito di realtà al 'Palizzi' di Vasto

Condividi su:

Gli studenti del corso C.A.T-GEO dell’istituto Palizzi hanno presentato il loro “compito di realtà”. Gli studenti del triennio, coordinati dalla docente Francesca Di Cicco e con il supporto dei docenti delle materie di indirizzo, hanno presieduto un convegno sulla riqualificazione dell’eremo dannunziano attraverso i loro progetti integrativi del proprio percorso di studi.

Ad iniziare il convegno è la dirigente, che attraverso il suo intervento, ha lasciato trasparire il suo entusiasmo per l’articolazione e lo sviluppo del progetto, considerandolo non un punto di fine come percorso ma come un punto di inizio di un progetto che avrà un seguito negli anni a venire. Un intervento di non poco conto è quello dell’assessore Anna Bosco, la quale ha espresso la vicinanza del Comune di Vasto per questo progetto.

La presentazione ha analizzato in primis l’autore e la sua vita, creando un’immersione nel contesto rappresentato per poi scendere nel particolare con l’impresa formativa simulata del III° C.A.T, lo studio del territorio attraverso il GIS del IV° C.A.T ed il progetto stradale assieme ad un progetto di realizzazione di una pista ciclabile per il V° C.A.T. La realizzazione di tutti le presentazioni, nonché tutti i video e le foto sono state realizzate dagli studenti con la revisione del docente.

Al termine delle presentazioni, il rappresentante dell’Associazione dell’Eremo Dannunziano Davide Di Iullo ha preso la parola, esprimendo il suo entusiasmo per il progetto, spiegando che ci sarà una pubblicazione di tutti i lavori realizzati degli studenti. Il tutto si è concluso con il discorso finale della preside che ha ringraziato tutti coloro i quali hanno preso parte ed i docenti per essersi messi in gioco per realizzare un progetto. Un lavoro complesso da rappresentare e da coordinare su più classi con percorsi di studi differenti con un risultato finale che ha saputo stupire ed appassionare chi ne ha preso parte e chi lo ha osservato da fuori.

Condividi su:

Seguici su Facebook