Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ruspe al lavoro, verso la riapertura la Sp 212 nell'Alto Vastese?

La strada interessata da una frana tra i territori di Torrebruna e Castiglione Messer Marino

Condividi su:

"Allo stato siamo in attesa del rilascio della autorizzazione richiesta": così ieri sera, via email, riferendosi alla Regione Abruzzo, il dirigente del quinto settore della Provincia di Chieti, Carlo Cristini, sulla perdurante chiusura della Sp 212 nell'Alto Vastese, tra Torrebruna e Castiglione Messer Marino.

Evidentemente quella autorizazione deve essere arrivata nel corso della notte o alle prime ore del giorno perché stamane è accaduto un mezzo miracolo: le ruspe sono entrate in azione e hanno eliminato l'unico vero ostacolo che impediva il transito ai veicoli, quel muro di pietre e terra che gli stessi cantonieri della Provincia avevano realizzato.

Colpo di scena, dunque, in merito al caso della frana di Torrebruna. La campagna mediatica iniziata in particolare da altomolise.net all'indomani della chiusura sembra poter dare frutti. Continue sollecitazioni dei sindaci, la minaccia dei residenti di Guardiabruna di scaricare un camion di pietre o di letame davanti al palazzo della Provincia, un sopralluogo del consigliere provinciale Camillo D'Amico, una interrogazione della parlamentare Maria Amato sull'interruzione del servizio 118 e addirittura un intervento a microfono acceso nell'aula del senato di Gianluca Castaldi del Movimento 5 stelle, un evento di portata storica, hanno pressato mediaticamente l'ente chietino e finalmente la Provincia ha partorito il topolino.

Un paio di ore di lavoro con una ruspa per realizzare quel famoso "passaggio in frana" e la strada è tornata transitabile, almeno teoricamente. Ordinanze di riapertura, al momento infatti, non ne abbiamo viste, ma qualche autovettura ha già inaugurato la "nuova" sp 212.

STOP DAI CANTONIERI - Tensione, però, per lo stop ai lavori su indicazione dei cantonieri della Provincia. Continua su www.altomolise.net

FOTO di ANDREA GARAU

Condividi su:

Seguici su Facebook