Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

La Vastese saluta il 2018 con una vittoria, ma che sofferenza! 1-0 sull’Olympia Agnonese

I biancorossi si aggiudicano lo scontro salvezza con i molisani, il gol vittoria è di Leonetti

| di Nicola Di Santo
| Categoria: Sport
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Tre punti per chiudere l’anno degnamente, ma senza botti e fuochi d’artificio. All’Aragona, la Vastese mostra di avere le polveri bagnate, ma può senz’altro festeggiare la fine del suo difficile 2018 grazie alla sofferta vittoria sull’Olympia Agnonese. A decidere l’incontro è Vito Leonetti, che si procura e realizza il rigore che vale un trionfo fondamentale, rinvigorisce l’ancora anemica classifica e restituisce serenità all’ambiente.

Le squadre - Per la 19esima giornata del girone F di Serie D, la penultima di andata, Montani non può contare sul lungodegente Giampaolo e sullo squalificato De Meio. Iarocci prende così il posto del terzino destro, sull’altra corsia c’è Mataloni e al centro della difesa tocca a Del Duca e Sbardella. Il 4-3-3 dell’allenatore pescarese prevede sempre Capellupo nel ruolo di playmaker, affiancato da Palestini e Stivaletta. In attacco c’è l’esordio dal primo minuto di Mario Ferrara, la cui presenza porta a un’esclusione eccellente, quella di capitan Fiore, mentre Shiba e Leonetti, schierati rispettivamente al centro e sulla sinistra, vanno a completare il tridente offensivo.

L’Olympia Agnonese, nelle ultime sette giornate autrice di un ottimo ruolino di marcia nel quale spicca la preziosa vittoria esterna contro il Pineto, è reduce dalla sconfitta di misura contro il Montegiorgio. L’allenatore Antonio Foglia Manzillo, subentrato in stagione in corso, punta a fare il colpaccio all’Aragona gettando subito nella mischia il neo arrivato Ancora, forte ed esperto esterno offensivo proveniente dal Taranto, e puntando come sempre sugli inamovibili Albanese, Cassese, Corbo, Litterio, Pejic e Ricciardi.

La partita - Prima del fischio d’inizio, viene osservato un minuto di silenzio in memoria di Pina Orlando, la mamma 38enne di origine agnonese che si è suicidata nel Tevere insieme alle sue due figlie ancora disperse. Partita subito in discesa per la Vastese. Al secondo minuto Leonetti viene atterrato in area di rigore: lo stesso attaccante biancorosso s’incarica della battuta e spiazza con un destro implacabile Kuzmanovic. Per lui 11esimo gol stagionale e 30esimo gol da quando veste la maglia biancorossa.

La risposta granata arriva al 13esimo minuto con Ancora, che dal limite destro dell’area sfodera un potente sinistro che termina a pochi centimetri dalla porta di Patania. I molisani si mostrano più tenaci e padroni del gioco e schiacciano la Vastese nella propria metà campo. Ma è un possesso di palla sterile e capace soltanto di produrre qualche esile grattacapo ai biancorossi, che possono così vivere di rendita fino al duplice fischio dell’arbitro.

La Vastese inizia il secondo tempo da dove aveva lasciato, ovvero regalando campo agli avversari e non producendosi in sortite offensive degne di nota. I granata, pur non creando palle gol pericolose, danno comunque l’impressione di poter riuscire a pareggiare in qualsiasi momento, forse più per demeriti degli avversari che per meriti propri. Alla mezz’ora l’Olympia Agnonese rimane in dieci per l’espulsione di Pejic, ammonito prima per il fallo e poi per le veementi proteste contro il direttore di gara.

Neanche l’inferiorità numerica frena l’iniziativa degli ospiti, che si sbilanciano in avanti e allo stesso tempo concedono qualcosa in più in difesa. Come in occasione della gran sforbiciata di Leonetti, la prima vera palla pericolosa dei padroni di casa, che fa la barba al palo alla sinistra di Kuzmanovic. Il cross di Ricciardi per il colpo di testa di Nyang è l’ultimo brivido corso dai biancorossi, che vivono come una liberazione il triplice fischio del direttore di gara.

Nonostante le sofferenze, la Vastese sale a quota 23 punti (a +6 dagli agnonesi), regala un buon Natale ai tifosi della D’Avalos e si accinge anch’essa a trascorrere le imminenti festività con ritrovata serenità. È facile intuire che regalo abbia chiesto la squadra a Babbo Natale: ottenere una salvezza il più possibile tranquilla. Con la speranza che Santa Claus possa esaudire la difficile richiesta.

Vastese-Olympia Agnonese 1-0

Reti: 3’ rig. Leonetti (V).

Espulsi: 30’ st Pejic (O) per somma di ammonizioni.

Formazioni

Vastese: Patania, Iarocci, Mataloni, Capellupo, Sbardella, Del Duca, Ferrara, Stivaletta (17’ st Russo), Shiba, Palestini (25’ st Palumbo), Leonetti. A disposizione: Di Rienzo, Lombardo, Di Giacomo, , Kone, Cicerello, Fiore, Selva. Allenatore: Montani.

Olympia Agnonese: Kuzmanovic, Corbo (38’ st Nyang), Litterio (21’ st Formuso), Pejic, Albanese, Cassese, Ancora, Salifu (10’ st Jawo), Sorgente (21’ st Gentile), Ricciardi, Antonelli (43’ st Barbato). A disposizione: Maraolo, Ballerini, Bisceglia, Dezai. Allenatore: Foglia Manzillo.

Arbitro: D’Eusanio di Faenza (Maione di Nola, Romano di Nola).

Nella foto in evidenza Leonetti fa il segno 30: tanti sono i gol fin qui messi a segno dall'attaccante in una stagione e mezza in biancorosso

Nicola Di Santo

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK