Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Colavitto e la 'pareggite' della Vastese: 'Nessun allarmismo, pronti a battere la Fermana'

All'Aragona il big match tra i biancorossi e la lanciatissima capolista marchigiana: serve una 'domenica da leoni' per tornare ai 3 punti

Condividi su:

Una domenica da leoni per riabbracciare la vittoria.

La Vastese dopo i tre zero a zero consecutivi (e le undici giornate da imbattuta) non vuole più frenare, all’Aragona nella quarta giornata di ritorno del girone F arriverà la capolista Fermana, capace di centrare cinque vittorie consecutive (dieci nelle ultime dodici giornate) senza subire gol ma capitan Allocca e compagni hanno le idee chiare, ridurre i nove punti di ritardo dalla vetta per riaccendere di nuovo l’entusiasmo.

Il gruppo al gran completo, eccezion fatta per l’under Di Pietro fermatosi per una contrattura, ha effettuato questa mattina la rifinitura sul sintetico della 167, mister Gianluca Colavitto ha dato le ultime indicazioni ai suoi ragazzi prima di sedersi in sala stampa per la consueta conferenza stampa del sabato mattina.

Mister Colavitto, domani big match contro la prima della classe, è lo snodo più importante della stagione per la Vastese? “Con tutto il rispetto per la Fermana per me è una partita come le altre, lo ripeto da inizio stagione, ogni domenica per noi è la sfida più importante, arriva la capolista ma se fosse arrivata un’altra avversaria la nostra mentalità resta intatta, scendiamo in campo sempre per vincere”.

Se si guarda indietro le ultime domeniche parlano di tre pareggi consecutivi senza mai andare in gol, si poteva fare di più? “Non vedo tutti questi allarmismi, a Monticelli imporsi e vincere è difficile per qualunque squadra del girone e domenica ci siamo annullati a vicenda, contro il San Marino abbiamo creato cinque occasioni da gol nitide e avremmo meritato il successo”.

Se domani non dovesse arrivare la vittoria resterebbero intatti i nove punti di ritardo dalla vetta, si potrebbe parlare di resa o ci sarebbero ancora possibilità in futuro per avvicinarsi al primo posto? “In campo ogni domenica troviamo avversari pronti a giocare la loro partita, la Vastese non è la Juventus e anche squadre di quella portata sono scivolate in qualche trasferta, in una stagioni piccole flessioni possono esserci ma continuo ad essere fiducioso perché l’impegno dei ragazzi finora non è mai venuto meno”.

Un girone fa a Fermo la Vastese centrò il primo successo pesante mettendo paura al girone, domani il successo vorrebbe dire dare ulteriore slancio per il prosieguo del campionato? “Ero sereno alla vigilia di quella partita e lo sono ancora oggi, questo perché vedo i miei ragazzi seguire alla perfezione i miei dettami, io lavoro con coscienza, al match d’andata non penso più, ogni partita ha una storia a se, l’abbiamo preparata bene, siamo pronti”.

L’avversario oltre al primo posto vive uno splendido periodo di forma, cosa servirà per batterli? “La Fermana arriverà all’Aragona con la spensieratezza di chi si gode il primo posto del girone con l’aiuto di un filotto importante di successi, sarà difficile, ho ancora un paio di dubbi da sciogliere ma noi in casa domani dovremo riappropriarci dei tre punti, non pensiamo ad altro”.

La Vastese ha da tre domeniche la porta inviolata ma da qualche giornata fatica ad andare in gol, cosa rispondi a chi si aspetta un modulo più arrembante? “L’allenatore è sempre messo in discussione, fa parte del nostro mestiere, non possiamo essere permalosi e domenica dopo domenica dobbiamo mettere in campo la nostra idea di calcio con l’unico obiettivo di far bene, poi ci sono anche partite come successo come contro il Campobasso dove ho schierato contemporaneamente tutti e sei gli attaccanti in rosa, di più non avrei potuto osare”.

Domani a Vasto sarà giornata di lutto cittadino in ricordo della tragedia di Rigopiano che ci ha colpiti da vicino con la perdita della cara Jessica, cosa si può dire in questi momenti? “Oramai mi sento abruzzese a tutti gli effetti, mia moglie è lancianese, i miei figli sono tutti nati a Lanciano, c’è grande dolore, è una tragedia che ha toccato tutti”.

Antonio Del Borrello – Ufficio Stampa Vastese Calcio 1902

Condividi su:

Seguici su Facebook