Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Il Brodetto alla Vastese approda al Salone Internazionale del Gusto di Torino con Jean Pierre Soria

Sabato laboratorio negli stand di Slow Food Abruzzo al Lingotto

Condividi su:

Il Brodetto alla Vastese approda al Salone Internazionale del Gusto di Torino.

 

Sarà Jean Pierre Soria, 37 anni, ristoratore locale, a rappresentare la città all’importante vetrina eno-gastronomica che si tiene nel capoluogo piemontese (da oggi e fino al 29 ottobre).

 

«È un grande onore essere stato scelto per rappresentare Vasto nello stand dell’Abruzzo», commenta Soria, titolare di 'Cibo Matto', ristorante del centro storico, «il brodetto è il piatto più rappresentativo della cucina vastese, un felice connubio tra la tradizione ortolana e quella marinara. Ho dei clienti che vengono dalla Puglia per gustarlo. La mia ricetta? Quella classica, naturalmente. Gli ingredienti fondamentali sono tre: il pomodoro rosso mezzotempo, il peperone verde e l’aglio. I pesci che si utilizzano sono quelli dei nostri fondali: scorfano, lucerna, tracina, sogliola, merluzzo, cozze, vongole e panocchie (termine vastese per indicare le cicale di mare, ndc). Il pesce non va sfilettato, ma cucinato con le teste», rimarca il giovane ristoratore che aveva 17 anni quando si è cimentato per la prima volta con il piatto tipico della tradizione vastese. Una passione, la sua, che parte da lontano: il nonno era pescatore e aveva un trabocco a Casarza (località della scogliera) distrutto da una violenta mareggiata. Il padre, Mario, considerato pioniere della ristorazione vastese, è stato insignito nei mesi scorsi del premio “Brodetto e contorni”, iniziativa inserita a pieno titolo nel calendario delle manifestazioni estive. Insomma, una tradizione di famiglia che Jean Pierre ha ereditato e che oggi porta avanti con passione contagiosa.

 

Su questo fa leva Slow Food che a Vasto propone 'Brodetto e contorni' e che sabato organizza un laboratorio al Salone del Gusto a Torino. Protagonista dello stand dell’Abruzzo sarà proprio il brodetto alla vastese preparato dal giovane ristoratore, il quale spera che la partecipazione all’iniziativa abbia un ritorno turistico per la città.

 

«Abbiamo scelto Jean Pierre perché rappresenta la continuità della tradizione vastese, di cui ha raccolto l’eredità», commenta il fiduciario locale di Slow Food, Raimondo Pascale, «il suo ristorante lavora sulle tipicità e sui prodotti locali e per questo è molto vicino alle idee di valorizzazione di Slow Food».

Condividi su:

Seguici su Facebook