Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Antonio Laronga “Quarta mafia” con Giuseppe Forte

Scrittori in Piazza sabato 17 luglio, ore 21,30

Redazione
Condividi su:

Nell’ambito di Scrittori in Piazza, evento culturale promosso da Emanuela Petroro della Nuova Libreria, Sabato 17 luglio alle ore 21,30 a Piazza Barbacani sarà presente il magistrato Antonio Laronga, che presenterà il suo libro “Quarta mafia. La criminalità organizzata foggiana nel racconto di un magistrato sul fronte”.

Dialoga con l’autore il giornalista Giuseppe Forte. In caso di pioggia la presentazione del libro si terrà nella sala del Museo Archeologico di Palazzo d'Avalos

La “quarta mafia” è la definizione mediatica delle mafie foggiane, una criminalità emergente che coniuga arcaicità e modernità, localismo e globalizzazione. Una mafia rimasta a lungo invisibile rispetto a quelle tradizionali, solo perché poco raccontata e conosciuta. Capace, però, al pari della mafia siciliana, della camorra e della 'ndrangheta, di irradiarsi in tutto il Paese e di sgretolare la sicurezza pubblica anche in territori lontani dalla sua zona di origine. La “Società” foggiana, la mafia garganica e la mafia cerignolana sono raccontate attraverso quarant'anni di vicende criminali tratte da fonti giudiziarie e da documenti investigativi. Contrabbando, narcotraffico, estorsioni, costellate da centinaia di omicidi commessi con ferocia brutale. Nel tempo, la “quarta mafia” ha saputo fare il salto di qualità, trasformarsi in una mafia moderna, in grado di permeare l'economia e la vita pubblica delle comunità assoggettate. È penetrata così dentro imprese sane, ha imposto i propri obiettivi ad amministratori conniventi ed ha cambiato per sempre le regole del gioco. Negli ultimi anni, lo scioglimento per mafia di alcuni comuni e l'improvviso aumento della violenza omicida, hanno lasciato intravedere ad un pubblico più ampio alcuni frammenti di un disastro civile. Questo libro contribuisce a disvelare l'origine, l'evoluzione e gli assetti attuali di un fenomeno criminale complesso e pericoloso, assurto ormai a problema nazionale.

Condividi su:

Seguici su Facebook