Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

ARTE, CULTURA E ARCHEOLOGIA: UNA FONDAZIONE NEL VASTESE

Condividi su:
Dalla collaborazione tra le due Comunità montane del Medio e Alto Vastese ed il Comune di Pollutri, si è arrivati alla costituzione della ''Fondazione per l'arte, l'archeologia e la cultura del Vastese''. A darne notizia è il presidente della neonata fondazione, Remo Carilli, che presiede attualmente anche l'ente comunitario con sede in Gissi, attraverso una lettere pubblica indirizzata ai cittadini del comprensorio montano. L'idea è quella di ottimizzare la gestione dei beni culturali presenti sul territorio, come musei, monumenti e scavi archeologici, attraverso la fattiva partecipazione di tutte le amministrazioni comunali. Per tradurre in pratica questi propositi occorre però una certa disponibilità economica, ed ecco allora la proposta del presidente Carilli. Basterebbe sfruttare le possibilità che offre la nuova legge finanziaria del 2006, la quale appunto permette a ciascun contribuente di destinare il 5 per mille del proprio debito d'imposta Irpef come contributo per l'arte e la cultura. ''Il nostro Paese da sempre si caratterizza per la bassa percentuale di investimenti nella tutela, promozione e valorizzazione delle cose d'interesse artistico, storico e culturale di cui pure è ricchissimo'' spiega Remo Carilli. Quasi un paradosso se si pensa alle potenzialità che il settore del turismo artistico e culturale potrebbero sviluppare, anche nell'entroterra del Vastese. Proprio alla luce di queste considerazioni il presidente Carilli, anche a nome degli altri soci della fondazione, si appella alla sensibilità dei cittadini affinché versino il proprio 5 per mille in favore della fondazione. Per fornire il proprio contributo basta semplicemente scegliere la Fondazione come beneficiaria all'atto della compilazione del modello allegato alla dichiarazione dei redditi, inserendo nell'apposito riquadro il relativo codice fiscale che è 02148080696. E' utile ricordare che l'eventuale destinazione del 5 per mille non aggraverà il debito d'imposta ed è inoltre compatibile con la destinazione dell'8 per mille.
Condividi su:

Seguici su Facebook