Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Maltrattamenti in famiglia e lesioni, marito violento arrestato

In azione i Carabinieri della Stazione di Cupello dopo la denuncia della moglie aggredita

redazione
Condividi su:

Nella mattinata odierna i Carabinieri della Stazione di Cupello hanno tratto in arresto un uomo di Cupello, in esecuzione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Gip del locale Tribunale, dott.ssa Anna rosa Capuozzo, su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica, dott. Michele Pecoraro, che ha coordinato ed indirizzato le indagini dei militari.

Il provvedimento restrittivo trae origine da un intervento degli uomini dell'Arma di Cupello a seguito di una segnalazione di aggressione subita dalla moglie che verso la fine del mese di ottobre era dovuta ricorrere alle cure dei sanitari per alcune ferite riportate a seguito di un litigio violento.

I Carabinieri, sotto la guida costante della Procura della Repubblica di Vasto, hanno raccolto testimonianze e riscontrato le dichiarazioni della donna riuscendo a delineare un quadro di sofferenza quotidiana, fisica, morale e psichica peggiorata negli ultimi periodi. La donna riferiva di soggezione psicologica e fisica scaturita da una indomabile gelosia del marito che ha comportato, per la persona offesa, la sottoposizione ad un clima di continue vessazioni con l’ulteriore conseguenza di non avere più alcuna relazione sociale per evitare l’ira del coniuge.

A fronte dell’assenza di contraddizioni nel racconto della donna e dei riscontri investigativi acquisiti, ne è discesa l’esigenza cautelare valutata sia dal PM inquirente che dal GIP che hanno ritenuto altamente probabile l’occasione di reiterare i delitti della stessa specie.

Al termine delle formalità di rito l’arrestato è stato tradotto presso la propria abitazione, ovviamente non più abitata dalla coniuge, in regime di arresti domiciliari con la contestazione di maltrattamenti in famiglia e lesioni personali.

Nei prossimi giorni l’interrogatorio di garanzia da parte del Gip.

Condividi su:

Seguici su Facebook