Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Per tutti coloro cha amano il teatro comico “Primi passi sulla luna” con Andrea Cosentino

Sabato 6 novembre al Teatro Studio

Redazione
Condividi su:

Va in scena “Primi passi sulla luna” al Teatro Studio a Treglio Sabato 6 Novembre alle ore 21, con la presenza di Andrea Cosentino, attore, autore, comico e studioso di teatro.

“Si è soliti ascrivere la sua produzione al teatro di narrazione: Cosentino apparterrebbe dunque alla cosiddetta "seconda generazione" della narrazione, insieme con Ascanio Celestini, Giulio Cavalli, Davide Enia, Mario Perrotta,” commenta Stefano Angelucci Marino, coordinatore della stagione teatrale. “ Tuttavia, Cosentino arricchisce e fonde il narrare scenico con una performatività derivata dal cabaret televisivo (non a caso ha anche partecipato alla trasmissione TV di Italia 1 “Ciro presenta Visitor”). In questo, il suo lavoro sembra piuttosto accostarsi a quella "non-scuola romana" cui alcuni hanno ascritto anche Daniele Timpano ed autori-attori eclettici come il pugliese Oscar De Summa.

“[…] In tono da narrazione comico-cabarettistica-confidenziale, Cosentino inizia a raccontare della nascita del monologo nel 2009, in occasione dei 40 anni dall’allunaggio, per virare sul surreale con un ipotetico film di Stanley Kubrik, interpretato da un sosia viterbese di Neil Armstrong. Da uno scatolone escono oggetti improbabili come una Barbie in tenuta da astronauta, un osso di tapiro e un libriccino con una storia della Pimpa di Altan, ovviamente sulla luna. Il materiale è tanto, ma lo stile di Cosentino spiazza ancora e la storia diventa postuma, ovvero raccontata post mortem da un critico, che ricalca gli stilemi più ricorrenti della letteratura teatrale. Ci sono tutti i luoghi comuni e i pretesi riferimenti ad opere altre ed alte, da Brecht a Pina Bausch, sciorinati con una satira che fa a fette le costruzioni mentali spesso distanti dalla realtà di ciò che si vede. Ma lo spettacolo postumo è tale anche perché incompiuto, ovvero immanente, tale da rendere sempre presenti i fatti che lo hanno ispirato. Qui è il cuore della narrazione, nella vena personale e intima che si intreccia alle precedenti e destabilizza lo spettatore, diviso tra una dicotomia comicità-tragedia del tutto improvvisa. La luna, la Pimpa, il mestiere dell’attore ci sono sempre, ma entra un fatto legato ad un periodo della vita del protagonista, insieme ad un senso di attesa di un finale risolutivo.[…]”. Nicoletta Cavanna

Sabato 6 novembre ore 21 al Teatro Studio, a Treglio. Prenotazione obbligatoria al n. 340.9775471 o info@teatrodelsangro.it

 

Condividi su:

Seguici su Facebook