Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

"Non abusare dei social, ma proposte e soluzioni per il Vastese"

Condividi su:

L'economia e il turismo si fanno anche sui social: ma a Vasto, con l'avvicinarsi delle elezioni, le parti in campo continuano insistentemente a fare attacchi e proclami contro tutti e tutti.

Il social è un mezzo di informazione planetario, dove chiunque digita la parola " vacanze al mare e cultura" ,viene indirizzato sulla nostra città, ed ovviamente tutti gli utenti che guardano le pagine Facebook che riguardano Vasto, vi trovano sempre e solo attacchi ad personam al Sindaco o alle linee politiche di tutti gli schieramenti in competizione : spesso vengono attribuite responsabilità che poco hanno a vedere con le istituzioni cittadine, ma che coinvolgono gestori esterni o altre istituzioni della politica regionale o nazionale.

Ad esempio, citiamo l‘ ultimo caso della avvenuta rottura accidentale di un tubo per la fornitura di acqua proveniente dalla diga di Chiauci (rete moderna ed efficiente, che dovrebbe garantire il servizio di fornitura idrica potabile ed agricola) o la ripetizione dei pericolosissimi incendi dolosi delle nostre zone protette, che sono diventate solo la occasione per strumentali polemiche che non offrono soluzioni.

L‘intero coordinamento di Vasto Città Etica prende sin da ora e fermamente le distanze da questo becero sistema di ricerca disperata di lacune e di attacchi inutili ; dove si ravvede una mancanza o un problema, noi preferiamo segnalare direttamente l’accaduto all'organo interessato, senza attaccare nessuno sui social o sulle testate gionalistiche: tutti oggi possono infatti vedere ciò che si scrive e se noi per primi, denigriamo la nostra città, anzi la intera Comuntà Vastese, come possiamo pensare di attirare clienti e di far crescere la nostra economia turistica ed imprenditoriale? Non ci riusciremo mai.

Se si è fatto poco in questi anni, bisogna, invece, proporre cosa si può e si deve fare per migliorare e per aumentare la accoglienza. Continuare a dire... "non funziona questo", "non c'è quest'altro", "in quella città fanno questo e da noi no" ,etc, per noi non serve a nulla. Dobbiamo invece proporre idee e cercare il metodo giusto per arrivare all'obiettivo, senza perdere in focus per il successo, perchè non esistono cattive idee, ma ci sono solo brutti metodi, da
qualsiasi parte politica provengano.

Vorremmo ricordare ,in un breve escursus storico, che molti errori a Vasto, partono dall'urbanizzazione sbagliata, specie alla Marina, per poi continuare con gli esiti di un piano regolatore poco attento alle reali esigenze attuali; segnaliamo poi che dal 2008 ci fu prima la crisi economica mondiale di sistema (quindi non un semplice calo di consumi), poi la ripetizione nel decennio successivo e che il rilancio italiano è stato stroncato con lo scoppio della pandemia covid 19, dalla
quale a tutt'oggi non riusciamo ad uscire. Ora dobbiamo pretendere una accellerata, fondata sulla salvezza dei cittadini e sullo sviluppo.

Con l'arrivo del recovery found e con l‘utilizzo di questo potente strumento, si può iniziare a pensare e a fare proposte che prevedano il rilancio della Comunità del Vastese nell'artigianato, nel turismo, nell'agricoltura, nell’arte e nella industria sostenibile e la creazione di posti di lavoro. Tutti insieme, in competizione anche accesa, ma sempre produttiva.

Inviamo, quindi, tutte le parti politiche in campo, a recuperare l'orgoglio della Vastesità a difesa del nostro territorio, con proposte e soluzioni ai problemi e, soprattutto, ad evitare di andare sui social a denigrare chiunque, per raccimolare un po' di consensi di personse già provate dal duro periodo trascorso: dobbiamo essere orgogliosi della nostra terra, del dono che abbiamo e impegnarci a conservarli come un tesoro.

Vasto città Etica
il coordinatore
Pasquale Marino detto Lino

Condividi su:

Seguici su Facebook