Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Dal 3 luglio stop alla plastica monouso

Entra in vigore la direttiva europea ma l’effetto comunque, in Italia, non sarà immediato

| di Redazione
| Categoria: Attualità | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Dal 3 luglio 2021 entra in vigore anche in Italia e in tutt’Europa la direttiva europea 904 che vieta la plastica monouso. Stop quindi a posate, piatti e cannucce di plastica. La legge era stata approvata in via definitiva a marzo 2019 dal Parlamento Europeo.

I prodotti vietati da oggi, sabato 3 luglio, in Europa sono:

  • posate di plastica monouso (forchette, coltelli, cucchiai e bacchette)
  • piatti di plastica monouso
  • cannucce di plastica
  • bastoncini cotonati fatti di plastica
  • bastoncini di plastica per palloncini
  • plastiche ossi-degradabili, contenitori per alimenti e tazze in polistirolo espanso

L’effetto comunque, in Italia, non sarà immediato. La legge di delegazione 53 approvata dal Governo, infatti, ha introdotto una norma per cui se e quando non è possibile l’uso di alternative, l’uso di posate, cannucce, nonché contenitori per il cibo viene ancora permessa.

L’obiettivo europeo è quello di ridurre l’inquinamento derivante dalla dispersione degli oggetti di plastica nell’ambiente, e in particolare nel mare, dove il problema è davvero un’emergenza.

Nella direttiva si stabilisce anche la responsabilità dei produttori che devono finanziare le attività di raccolta a fine vita e di pulizia dei rifiuti. Inoltre, viene evidenziato che il riciclo delle bottiglie deve raggiungere il 77% di quanto immesso al consumo entro il 2025 e il 90% entro il 2029. Inoltre le miscele utilizzate dovranno contenere un minimo del 25% di materiale riciclato entro il 2025, che salirà al 30% nel 2030.

Gli unici polimeri permessi sono quelli organici, ovvero non modificati chimicamente, cioè fibre naturali, come le fibre di mais, canna da zucchero, bambù, canapa, cellulosa, riso, caucciù e cocco.

 

Redazione

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK