Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

"Un percorso di fede e preghiera intra moenia dedicato a San Nicola”

Don Gianfranco Travaglini parla della Messa all’alba nell'antica cappella dedicata a San Nicola della Meta

| di Rosaria Spagnuolo
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

“Anche quest’anno non è stato possibile organizzare, a causa della pandemia, il tradizionale pellegrinaggio a Bari che si svolgeva proprio in questo periodo, dal 1 all’8 maggio in ricordo dell’arrivo delle reliquie di San Nicola a Bari”, racconta don Gianfranco Travaglini, parroco della Cattedrale di San Giuseppe.

Considerando che la devozione al Santo è molto sentita da sempre nella nostra città, ha pensato di offrire ai tanti fedeli un momento di incontro e preghiera intra moenia "tra le mura", cioè all'interno della città, negli stessi giorni del pellegrinaggio, ritrovandosi nella celebrazione della Santa Messa presso la Chiesa di San Nicola alla Meta all’alba, alle ore 6,00 del mattino.

Sono tanti i fedeli che alle prime ore dell’alba raggiungono a piedi l’antica chiesetta, con lo stesso spirito del pellegrinaggio, ripercorrendone idealmente le tappe della Fede, della Speranza e della Carità che scandiscono il pellegrinaggio.

La chiesetta di San Nicola è tra le 9 chiese affidate a Don Gianfranco Travaglini. E’ aperta tutti i giorni, dopo essere stata risistemata da un comitato di fedeli. Il parroco spiega che molti sono i fedeli che ogni giorno durante tutto l’anno entrano per una preghiera, sia i fedeli di San Nicola ma anche chi passa anche solo per una passeggiata.

E’ una chiesa molto antica, si conosce la sua fondazione già nel 1600. Era una delle tre chiese dedicate a Vasto a San Nicola. Dallo storico vastese Nicola Alfonso Viti si sa che esisteva nel 1644. Da quell'epoca si onorava a Vasto San Nicola nella prima e nella terza domenica di maggio. In attesa dell’ultimazione del cimitero attuale, nel 1837, si proibì il sotterramento dei cadaveri in città e fu aperto un cimitero provvisorio vicino la chiesa di S. Nicola della Meta, con la realizzazione di due profonde fosse. La cappella è stata ristrutturata nel 1873 dal canonico Miscione e da allora ogni anno nella prima domenica di maggio si è celebrata la festa del Santo Taumaturgo di Bari intorno alla chiesetta. La presenza della cappella e il tradizionale pellegrinaggio testimoniano come il culto di San Nicola sia uno dei più diffusi e antichissimi in Italia, a Vasto, ma più in generale in Abruzzo e in tutte le regioni meridionali, già presente oltre tre secoli prima della traslazione delle reliquie da Mira a Bari.

 

Rosaria Spagnuolo

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK