Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Nelle scuole abruzzesi il prossimo anno 2.073 alunni in meno

In provincia di Chieti una perdita stimata di quasi mille studenti

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Prosegue il calo degli alunni nelle scuole abruzzesi e la provincia di Chieti fa registrare il dato più grave per il prossimo anno scolastico.

Secondo i dati dell’Ufficio Scolastico Regionale per l’anno scolastico 2021/22 sono previsti 2073 alunni in meno in Abruzzo. Saranno poco meno di 167.000, a fronte degli oltre 169.000 dello scorso anno scolastico, le studentesse e gli studenti che frequenteranno le scuole pubbliche abruzzesi.

La provincia di Chieti con una previsione di 990 alunni in meno è quella dove il calo è più significativo. "Dunque, quasi la metà di alunni sarà della provincia di Chieti. Una vera e propria emergenza che dovrebbe rappresentare il primo intervento da mettere in ogni agenda politica che guardi al futuro" commenta la Flc Cgil Chieti.

La diminuzione degli alunni non è omogenea nella 4 province e risulta così distribuita:

CHIETI – 47,75%

TERAMO – 28,32%

PESCARA – 18,33%

L’AQUILA – 5,60%

La diminuzione degli alunni risulta maggiormente concentrata nella scuola dell’infanzia e nella scuola primaria, quindi destinata ad avere effetti nei prossimi anni per i vari ordini e gradi di scuola, ma in generale, sarebbero soprattutto gli istituti professionali a continuare a perdere alunni in maniera rilevante.

"Nonostante ciò - aggiunge la Cgil - a seguito delle insistenze sindacali, la dotazione organica di diritto dei docenti resta confermata ed aumenta nel sostegno con 39 posti aggiuntivi. Si tratta della ripartizione di 5000 posti decisa a livello nazionale e che, spalmata nella provincia, corrisponde a poca cosa rispetto alle richieste delle scuole. Il dirigente dell’ambito territoriale quest’anno ha dovuto incrementare di qualche centinaio i posti del cosiddetto organico di fatto per i docenti di sostegno, perché la dotazione assegnata non era sufficiente a garantire integrazione e interventi didattici differenziati".

Secondo i sindacati per il prossimo anno scolastico sarà importante consolidare un organico docente ed Ata che consenta di poter far scuola rispettando i requisiti del distanziamento, della sicurezza e dell’offerta formativa di qualità e, a tal proposito, è stato chiesto all’amministrazione scolastica di confermare il potenziamento dell’organico che in tempi di Covid -19 è stato dato. 

 

redazione

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK