Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Nuovo Dpcm, ecco alcune delle misure previste

Divieto di asporto per i bar dalle 18, scuole superiori in didattica a distanza al 50%, chiusi teatri, cinema e palestre

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Con la bozza del nuovo Dcpm in vigore da lunedì 16 gennaio l’Abruzzo dovrebbe essere in zona gialla, mentre quasi tutta Italia va in zona arancione. C’è il divieto di spostarsi tra le regioni fino al 15 febbraio, con Lombardia e Sicilia che da domenica potrebbero essere le prime zone rosse del 2021.
Il ministro della salute Roberto Speranza, nella riunione con le Regioni, i Comuni e le province, ha sottolineato che la situazione non può essere sottovalutata, è necessario lavorare insieme tempestivamente ad anticipare le restrizioni per evitare una nuova, forte ondata del virus.

Tra le misure: coprifuoco dalle 22 alle 5, le scuole superiori in didattica a distanza al 50% da lunedì e l'inasprimento delle soglie per accedere alle zone con restrizioni, introdotte con il decreto approvato mercoledì: con Rt 1 o con un livello di rischio 'alto' o, ancora, con un'incidenza di 50 casi ogni 100mila abitanti e un rischio moderato, si va in arancione, con Rt a 1,25 in rosso.

Tutti gli indicatori sono peggiorati nella settimana che si sta per concludere e in base all'ultimo monitoraggio, con le modifiche introdotte dal decreto, sono solo 6 le regioni che rimarrebbero gialle: Abruzzo, Basilicata, Campania, Sardegna, Toscana e Valle d'Aosta. Tutte le altre rischiano l'arancione, con la Lombardia e la Sicilia molto probabilmente in zona rossa.
Il governo ha poi confermato il divieto della vendita da asporto per i bar dalle 18.  Gli impianti sciistici non riapriranno almeno fino al 15 febbraio. Rimangono chiuse anche palestre e piscine, così come cinema e teatri. Tornano invece le crociere ed è confermata l'apertura dei musei, ma solo nelle regioni gialle e solo nei giorni feriali.

Con il decreto viene introdotta la 'zona bianca', in cui le uniche restrizioni sono il distanziamento e l'uso della mascherina. Ma i parametri per entrarci - 3 settimane consecutive di incidenza di 50 casi ogni 100mila abitanti e un rischio basso - fanno sì che ci vorranno mesi prima che una regione possa trovarcisi. 

redazione

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK