Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Incendio nella zona della Stazione, rogo innescato dal fuoco per cuocere la salsa di pomodoro

Le rilevazioni dei Carabinieri Forestali relative a questo e ad altri episodi di natura colposa. Sei le denunce

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Sarebbe partito dal fuoco incautamente acceso, in una giornata di forte vento e temperatura elevata, per la cottura della salsa di pomodoro, il rogo, fattosi via via sempre più esteso, che ha generato forte apprensione, due giorni fa, a Vasto. tenendo impegnate per alcune ore le squadre di emergenza con Vigili del Fuoco, intervenuti pure con l'elicottero, e Protezione Civile in testa.

E' quanto rimarcano i Carabinieri Forestali del territorio, che in una nota evidenziano, per questo ed altri episodi avvenuti nell'area della provincia di Chieti, la denuncia di sei persone con le accuse di incendio boschivo e incendio colposo.

"Nel corso del 2020 i Carabinieri Forestali operanti in provincia di Chieti hanno individuato e denunciato sei persone resesi responsabili di incendi boschivi, di sterpaglie, di campi incolti e coltivati che, in alcuni casi, hanno interessato estese e significative aree con danni al paesaggio e possibili ripercussioni sull’equilibrio idrogeologico del territorio - si evidenzia nella nota -. Gli incendi, tutti colposi, sono stati provocati da comportamenti non corretti, connotati da imprudenza, negligenza o imperizia, in violazione di norme e regolamenti.

Gli eventi accertati sono riconducibili ad una diversificata casistica che comprende la bruciatura di potature e di residui vegetali derivanti da attività agricole, la ripulitura di terreni incolti e la combustione di rifiuti di vario genere".

L’ultimo episodio in ordine di tempo, accaduto l'altro giorno nel Vastese, ha avuto origine dal fuoco incautamente acceso nella corte adiacente ad un fabbricato rurale, in presenza di forte vento ed alte temperature, per la cottura della salsa di pomodoro ad uso familiare.

Tutti i responsabili dovranno rispondere di incendio boschivo o di incendio colposo ai sensi degli artt. 423 bis e 423 del Codice penale con pesanti pene che, nel minimo, vanno da uno a cinque anni.

A seguito dell’emanazione del Decreto del Presidente della Giunta Regionale d’Abruzzo n.357 del 29 giugno 2020 di “Dichiarazione dello stato di grave pericolosità per gli incendi boschivi” cui tutti i cittadini devono attenersi in merito alle prescrizioni ed ai divieti, sono stati intensificati in tutta la provincia i controlli dei Carabinieri Forestali per la prevenzione e repressione degli incendi boschivi.

redazione

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK