Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

LIBRO SINODALE, CONFERENZA DEL CARDINALE HUMMES A SANTA MARIA MAGGIORE

Condividi su:
Lucida, profonda, coinvolgente. E' stata così la conferenza che il cardinale Claudio Hummes, Prefetto della Congregazione per il Clero, ha tenuto nella Chiesa di Santa Maria Maggiore, per la presentazione del Libro Sinodale, promulgato nell'ottobre scorso dall'arcivescovo di Chieti-Vasto, monsignor Bruno Forte. Presentato dallo stesso Forte, il Cardinale Hummes, già arcivescovo di San Paolo del Brasile, dopo aver salutato i presenti (non molti in verit..., e questo amareggia un po') e le autorità, tra cui il sindaco Lapenna, il presidente del Consiglio comunale Forte e il Generale Gianfranco Rastelli, ha esordito sottolineando la 'buona strada' intrapresa dal Sinodo nel richiamarsi alla ricezione del messaggio del Concilio Vaticano II nella Chiesa locale ''in questi quarant'anni e più dalla conclusione''. Il Concilio, ha ricordato Hummes, è una bussola per navigare nel mare aperto. Occorre riprendere il coraggio dell'evangelizzazione, andando 'al largo' gioiosi di annunciare e testimoniare il Vangelo. Ma il Vangelo ha la sua forza in Dio che ci ama. La buona novella è bella, perché Dio è bello. L'aver scelto il tema della 'bellezza' nel Sinodo, ha aggiunto il cardinale, è una prospettiva nuova, perché porta a comprendere sempre più profondamente che la Trinità, bellezza infinita, è ''origine, grembo e patria del nostro cammino''. La bellezza trascendente di Dio, infatti, è da contemplare (e qui il cardinale ha ricordato la sua visita, ricca di emozioni, al Volto Santo di Manoppello), ma è anche una forza stimolante per l'apostolato. Dio è bellezza, ha continuato il cardinale Hummes, perché è Amore. E l'Amore diventa la spiegazione di tutto il Creato e di tutta la storia dell'Umanità. E' bello, allora, essere cristiani e figli di Dio. Dell'amore e della bellezza di Dio dobbiamo diventare autentici annunciatori. Spesso, ha chiarito Hummes, insistiamo nella catechesi che gli uomini devono amare Dio, ma dovremmo prima insistere sul fatto che ''é innanzitutto Dio ad amare noi''. Questa prospettiva cambierebbe tutta la nostra catechesi. La conferenza si è chiusa con un interessante dibattito ed è stata occasione per l'arcivescovo per presentare don Mario Pagan, nuovo Vicario Episcopale per la zona del Vastese, posto lasciato vacante da monsignor Piero Santoro, ora vescovo di Avezzano.
Condividi su:

Seguici su Facebook