Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Morti sulla Trignina, colpa anche dell'"immobilismo della politica"

Dure accuse dal presidente dell’associazione Pro Trignina: "Da anni chiediamo il raddoppio dell'arteria nazionale"

| di Gianni Quagliarella
| Categoria: Attualità
STAMPA

Ci vediamo ancora costretti a vedere con i nostri occhi la morte sulla Statale 650, la Fondo Valle Trigno.

Iinfatti, in seguito a un incidente stradale nei pressi di Trivento, hanno perso la vita tre persone, operai e camionista che, per motivi di lavoro, percorrevano la strada, arteria principale di collegamento sulla direttiva Adriatico-Tirreno.

Sono mesi – spiega Antonio Turdò, presidente dell’associazione Pro Trignina - che continua il nostro impegno per coordinare e organizzare un tavolo istituzionale che preveda il raddoppio della Fondo Valle Trigno, almeno da San Salvo a Bagnoli del Trigno.

Da parte delle istituzioni – accusa - abbiamo ricevuto una disponibilità molto generica e senza impegno.

In alcune zone del Nord Italia – tuona Turdò contro la politica - avete realizzato pedemontane, camionabili, varianti di valico, autostrade a 5 corsie e a noi nemmeno il raddoppio per ogni senso di marcia. Quanti morti volete ancora sulla vostra coscienza prima di darvi una mossa, classe politica inetta ed incapace di leggere le vere e necessarie esigenze del territorio e dei suoi abitanti?

Gianni Quagliarella

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK