Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Pontile da 'curare', tre imprenditori rispondono all'avviso pubblico del Comune

Un impegno di poco meno di 100.000 euro per la sistemazione della 'passeggiata sul mare' tanto cara ai vastesi

Condividi su:

Hanno risposto tre imprenditori all’avviso pubblico indetto dal Comune per reperire operatori disponibili a finanziare gli interventi per il ripristino e  la sistemazione del pontile, la “passeggiata sul mare” tanto cara ai vastesi.

Le proposte sono ora al vaglio degli uffici  che stanno valutando su quale far ricadere la scelta.

Nel frattempo c’è il massimo riserbo sui nomi degli imprenditori che verranno resi noti non appena il procedimento sarà concluso.

Gli interventi previsti nel progetto redatto dai tecnici dei Lavori Pubblici, dell’importo complessivo di 98.500 euro, riguardano sostanzialmente il rifacimento della pavimentazione ed il ripristino delle superfici in calcestruzzo a vista degradate dalle mareggiate e dalla salsedine.

Per reperire i fondi necessari l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Francesco Menna ha deciso di cercare sponsor tra gli operatori che intendano eventualmente manifestare il loro interesse “mediante dazione di denaro, accollo del debito o altre modalità di assunzione del pagamento dei corrispettivi dovuti, o provvedendo alla realizzazione dei lavori in tutto o in parte a proprie spese”. L’amministrazione fa affidamento non solo sulla disponibilità di imprenditori locali, ma anche sulla visibilità pubblica del pontile che, insieme alla statua della Bagnante collocata nel tratto nord del litorale, è uno dei simboli della spiaggia vastese.

Della riqualificazione della struttura si parla ormai da tempo. Un intervento, mai attuato, venne annunciato nel 2009. L’estate scorsa il pontile è rimasto chiuso due giorni, con una ordinanza del sindaco, per alcuni interventi di messa in sicurezza. In quella occasione vennero smantellate le vecchie doghe danneggiate e sconnesse (in alcuni tratti addirittura mancanti), che rendevano l’intera struttura pericolosa per chi si avventurava da quelle parti.

Condividi su:

Seguici su Facebook