Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Tredici chili di droga sequestrati, tra marijuana ed eroina, e quattro arresti: Finanza in azione

Un'ultima serie di operazioni ha interessato anche il territorio del Vastese

redazione
Condividi su:

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Chieti hanno tratto in arresto P.D., un giovane disoccupato pescarese di 27 anni, per detenzione ai fini dello spaccio di circa 30 grammi di cocaina e 3 grammi di ketamina, già confezionati e pronti per essere smerciati, rinvenuti a seguito di perquisizione personale e domiciliare, nell’ambito del quale sono stati sequestrati anche un bilancino di precisione, un taglierino e la somma di 450 euro, quale presunto provento dello spaccio.

Questo è l’ultimo anello di una catena di operazioni coordinate volte a contrastare due organizzazioni malavitose dedite allo spaccio di eroina e marjuana.

Le operazioni, tenute finora coperte dal più stretto riserbo e svolte nei Comuni di Chieti, di San Salvo e nella Val Vibrata (Te) hanno portato al sequestro di 10 kg di Marijuana e 3 kg di eroina e quantità inferiori di cocaina e ketamina.

Lo stupefacente, pronto per essere commercializzato prevalentemente sulla fascia costiera adriatica, era destinato ad alimentare la costante richiesta di sostanze stupefacenti proveniente dai luoghi di maggiore aggregazione di giovani.

Il carico di marijuana avrebbe reso sul mercato una cifra oscillante tra i 100 e i 150 mila euro mentre l’eroina sarebbe stata venduta complessivamente a circa 120 mila euro.

Al momento i soggetti finiti in carcere sono quattro, tre di nazionalità albanese e un italiano i quali dovranno rispondere di detenzione, al fine di spaccio, di sostanze stupefacenti, reato punito con la reclusione da sei a venti anni e con la multa da euro 26.000 a euro 260.000.

L’intensa attività di controllo del territorio tesa a prevenire e contrastare il traffico e lo spaccio di sostanze stupefacenti ad opera delle fiamme gialle teatine, su esplicite direttive del Comandante Provinciale Colonnello Vittorio Mario Di Sciullo, costituisce ulteriore testimonianza del costante presidio esercitato dal Corpo contro i traffici illegali.  

Condividi su:

Seguici su Facebook