Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Mercato di Santa Chiara, slitta la riconsegna dell'opera riqualificata

Fino a inizio febbraio all'aperto, il sabato, i venditori di prodotti agricoli ed alimentari

redazione
Condividi su:

Di slittamento in slittamento, si allungano ulteriormente i tempi per la riapertura del mercato coperto di piazza Santa Chiara e continuano i disagi per i venditori di prodotti agricoli ed alimentari, costretti a rimanere all'aperto, il sabato mattina, con le loro bancarelle nelle vicine piazza Marconi e via XXIV Maggio.

Per la conclusione dei lavori di ristrutturazione, ammodernamento e risistemazione del complesso, al via l'estate scorsa, era stato inizialmente previsto il termine di metà ottobre, poi esteso per la necessità di mettere in campo ulteriori opere. Si pensava ad una riconsegna all'inizio di quest'anno ed invece, con ogni probabilità, bisognerà attendere almeno altre tre settimane.

Per questo un'ordinanza del dirigente della Polizia Municipale, Enzo Marcello, ha prorogato fino al prossimo 7 febbraio il divieto di sosta nelle aree adibite a mercato nella giornata di sabato (piazza Marconi e via XXIV Maggio appunto), il tutto sulla base di “imprevisti ed intervenute circostanze” che hanno reso necessaria la redazione di un progetto di interventi complementari nell'ambito dell’esecuzione dei lavori in corso affidata, in appalto, alla 'Edilexpo srl' di Roma.

In particolare, in seguito alle demolizioni dei rivestimenti, si sono evidenziate circostanze impreviste relativamente alle condizioni di conservazione di alcuni elementi strutturali dei locali,  soprattutto “per quanto concerne la struttura metallica ubicata nella zona est dell’edificio, ma anche in alcuni punti della struttura originaria - ha evidenziato l'assessore ai Lavori pubblici, Nicola Tiberio - pertanto, al fine di dare soluzione alle problematiche riscontrate ed incrementare il livello di sicurezza, sono state eseguite indagini conoscitive strumentali e di laboratorio e, conseguentemente, è stato redatto un progetto per la realizzazione di ulteriori opere complementari”.

L'opera di riqualificazione è a cura del Comune di Vasto – con un finanziamento iniziale previsto di 200.000 euro - con compartecipazione alle spese, per un terzo, della Camera di Commercio di Chieti.

D'ALESSANDRO INTERROGA – In merito ai lavori del mercato coperto, ed anche a quelli di consolidamento in fase di realizzazione in via Tre Segni (pure questi slittati rispetti ai tempi originariamente previsti), il consigliere comunale indipendente Davide D'Alessandro ha presentato un'interrogazione al sindaco Lapenna ed al presidente dell'assise civica Forte chiedendo di conoscere, con esattezza, i tempi di riconsegna delle opere in atto da parte delle ditte all'opera.

Condividi su:

Seguici su Facebook