Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

I fuochi a metà serata e niente musica: 'Cancellata la festa di Vasto Marina'

'La riviera abbandonata': all'attacco gli operatori del Consorzio

redazione
Condividi su:

I fuochi pirotecnici a metà serata (sabato 23 agosto) e nessuno spettacolo musicale sulla riviera.

Fortemente critici gli operatori del Consorzio 'Vivere Vasto Marina' che prendono spunto dalla gestione del rinvio degli appuntamenti di festa del 16 agosto, determinato sabato scorso dalle cattive condizioni meteo, per esprimere malumore e malcontento sull'interesse complessivo che da palazzo di città viene riservato alla località balneare.

Si legge in una nota: "Invece di posticipare alla prima data utile i due eventi, la somma preventivata sembrerebbe convogliata ad appuntamenti quali il 'Vasto Film Festival' e la Festa Patronale. Inutile sottolineare, oltre la delusione per il mancato appuntamento storico dell’estate vastese, il danno d’immagine ed economico arrecato alla zona di Vasto Marina".

Nel mirino finisce l'assessore al Turismo e vice sindaco Vincenzo Sputore: "Difficile credere che l’assessore non sappia che l’affluenza di turisti a Vasto sia dovuta principalmente alla spiaggia ed ai servizi offerti da tutti gli esercenti operanti in questa zona di territorio. Pur professando di operare in un’ottica di ottimizzazione e sfruttamento di tutto il territorio, dunque dell’intera Costa dei Trabocchi, è evidente che la zona di Vasto Marina sia totalmente, e speriamo non volutamente, ignorata ed abbandonata. Basti pensare al Ferroluglio, organizzato quasi totalmente a cura e spese degli esercenti appartenenti al Consorzio. Invece che premiare tale impegno, tutt’altro che dovuto, l’assessorato al Turismo, con la cancellazione del Ferragosto, sta ancora una volta penalizzando la zona e chi vi opera con passione da anni".

Ulteriori sottolineature, poi: "Non solo questo episodio, ma anche la decisione di ridurre al minimo l’Informazione Turistica, chiudendo l’Infopoint alle ore 20, evidenzia il disinteresse del settore ad incrementare e favorire il turismo rivierasco. Purtroppo sarebbe pura utopia auspicare e richiedere il prolungamento della stagione turistica e balneare, come invece accaduto in altri comuni dotati di maggiore buon senso. In tali luoghi, a causa delle cattive condizioni meteorologiche della stagione in corso, le relative amministrazioni hanno deciso di stanziare somme destinate all’organizzazione di eventi che richiamino turisti anche a stagione conclusa. Fantascienza - è la conclusione della nota del Consorzio - in un Comune dove le somme destinate al turismo sono convogliate su altri eventi che escludono il territorio di Vasto Marina".

Condividi su:

Seguici su Facebook