Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

L'opposizione in conferenza manifesta delusione e malcontento per l'operato del 2013

Le dichiarazioni di D'Alessandro, Del Prete, Marcovecchio e Sigismondi

| di M. F.
| Categoria: Attualità
STAMPA
Sigismondi, D'Alessandro, Marcovecchio, Del Prete

Nel corso della conferenza stampa di inizio anno tenuta, stamane, dai gruppi consiliari di minoranza nelle persone di Etel Sigismoindi (FdI), Davide D’Alessandro (indipendente), Manuele Marcovecchio (PdL) e Nicola Del Prete (indipendente) sono state affrontate le tematiche più scottanti che, nel corso del 2013, hanno visto protagonista non solo l’amministrazione Lapenna ma anche l’intera compagine d’opposizione.

Davide D’Alessandro, in apertura, ha esplicitamente dichiarato: “A seguito di una lunga agonia, Vasto sta lentamente morendo e la responsabilità è di chi l’ha guidata in questi anni. “ E, sulla questione relativa all’approvazione del bilancio di previsione 2014 ha poi aggiunto:

“Non mi aspettavo che per giustificare la mancata approvazione del bilancio, il sindaco facesse riferimento a noi visto che le principali motivazioni sono relative a mancanza di documentazione e anarchia normativa. Il vero motivo per cui il consiglio comunale del 30 dicembre non c’è stato, infatti, è legato prima di tutto alla mancanza del DUP, documento unico di progettazione.”

Polemico anche sulla raccolta differenziata come spesa "strapagata dai cittadini e in grado, da sola, di coprire circa un quarto dell’intero bilancio comunale", D’Alessandro ha poi fatto riferimento sia ai mancati investimenti per rendere la città “più bella, più pulita e più accogliente, come il sindaco ripete dal 2006”, che alla questione senza fine dell’antenna sul multipiano sulla quale, ha dichiarato in chiusura:

"Il Sindaco continua a non  dire nulla. Non ho mai chiesto le dimissioni del primo cittadino ma al suo posto le avrei date da tempo."

Nicola Del Prete è invece intervenuto focalizzando l’attenzione su un punto chiave, quello secondo cui:

" L’interfaccia di un’amministrazione comunale non si basa sulle dichiarazioni del sindaco, della giunta o dell’opposizione, ma sulla realtà quotidiana, sull’economia che la città produce e, da questo punto di vista, purtroppo Vasto è ferma. A testimoniarlo vi sono: il settore urbanistica inefficiente, il piano spiaggia costantemente rimandato, il piano per il centro storico inattuabile, la delusione dell’imprenditoria locale e, infine, un turismo sempre meno proficuo e rispetto al quale si stanno facendo passi indietro e non avanti.

Mancata capacità di pianificazione territoriale e qualità dei servizi giudicata scarsa da parte dei cittadini, sono invece i punti su cui Manuele Marcovecchio insiste, riferendosi, tra le altre cose ad un piano strategico comprensoriale, fallito anche per il mancato coinvolgimento e la mancata capacità di dialogare con  i due comuni esclusi:  Cupello e Monteodorisio.

Nel riassumere le vicende e i noti “pasticci” del 2013 messi in atto dalla maggioranza:

“Dal Vasto Film Festival alla macro area, dal commercio abusivo alla mancata attivazione del turno serale de vigili urbani, fino alla questione Tares-Tarsu e alla video sorveglianza oltre che ai concorsi con esclusione dell’88% dei partecipanti”,

Etel Sigismondi ha voluto augurare un felice anno nuovo ai vastesi che “nonostante le difficoltà che li accomunano al resto d’Italia, hanno mostrato tenacia anche di fronte  a questo stato di cose. Saremo al loro fianco come abbiamo sempre fatto."

L’opposizione - ha concluso Sigismondi -  è stata chiamata ad un duro lavoro; abbiamo svolto il ruolo di notai dell’ente su attività palesemente in contrasto con il Testo Unico degli Enti Locali. Per primi abbiamo suggerito la mozione blocca Tares, per primi abbiamo lottato sul piano della macroarea e, nei confronti delle richieste avanzate dalle scuole per l’istituzione dell’ alberghiero e del liceo sportivo a Vasto, di cui sia il Comune che la Provincia si sono fatti promotori, reputo grave l’atteggiamento di risposta avuto dalla Regione.

A margine della conferenza stampa di oggi, Etel Sigismondi ha dichiarato che nei prossimi giorni presenterà un documento e delle iniziative mitrate a spingere la realizzazione della sala emodinamica nell’ospedale S. Pio da Pietrelcina di Vasto.

“Non mi fido della regione e voglio accendere i riflettori su questo importante servizio per la salute dei cittadini. Non farò sconti a nessuno e a nessuna parte politica perché si tratta di una questione fondamentale.

La regione, infatti, pur avendo preso più volte questo impegno e avendo proposto più di una volta la risoluzione del problema,  non ha mai agito concretamente sul tema.

M. F.

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK