Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Crisi presente e futuro incerto, i lavoratori presidiano e protestano

Assieme ai sindacati manifestano i dipendenti della Manufatti Vasto e della Sider Vasto

a cura della redazione
Condividi su:

Due manifestazioni di protesta, prima distinte, poi unitesi. Inizialmente in due siti della zona industriale di Punta Penna di Vasto, poi nello stesso piazzale.

Segnali di una crisi che non smette di attanagliare anche il territorio del Vastese e, in generale, dell'incertezza del futuro, situazione che preoccupa ancora di più.

A rappresentare le proprie difficoltà e malcontento, questa mattina, sono state le maestranze della Sider Vasto e della Manufatti Vasto, azienda, quest'ultima, che lavora per la 'Puccioni spa'. Il contratto relativo con la Puccioni scade alla fine di giugno e, a quanto pare, l'accordo non verrà rinnovato con l'impiego a rischio per 20 dipendenti che lamentano pure ritardi nell'accreditamento degli stipendi.

"Che ne sarà di loro?", si interroga Francesco Di Nizio della Cisl. 

Alla Sider Vasto situazione sempre in bilico per i 55 dipendenti, riunitisi dinanzi l'ingresso dello stabilimento.

Tra qualche settimana scade la cassa integrazione straordinaria e soluzioni per la crisi non se ne vedono. Chiedono chiarezza, assieme ai lavoratori, gli esponenti del sindacato Mario Codagnone, Angelo De Luca e Claudio Musacchio rappresentanti di Cgil, Cisl e Uil. L'appello è anche alle istituzioni locali, finora rimaste assenti nella vertenza. Forse gli ammortizzatori sociali potranno essere prorogati fino a fine anno, ma le prospettive sono tutt'altro che rosee.

Condividi su:

Seguici su Facebook