Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

SEMPLICE CASO DI OMONIMIA, 'MAI RICEVUTI SOLDI DA DI ZIO': LA PRECISAZIONE DEL CONSIGLIERE ARGIRò

Condividi su:
A seguito della nota apparsa sul quotidiano Il Centro di sabato 10 Ottobre, a firma di Domenico Ranieri, in cui vengono indicati in una tabella i presunti contributi che l’imprenditore Di Zio avrebbe versato a politici e partiti per finanziare campagne elettorali ed iniziative politiche, siamo a specificare che il contributo di 3.000 euro del 21/11/2008 versato ad Angelucci mandatario elettorale Argirò, così come scritto sul giornale indicato, non si riferisce in alcun modo al consigliere regionale e presidente della IV Commissione alle Attività Produttive Nicola Argirò, eletto nella circoscrizione Chieti nelle liste del Pdl in occasione delle elezioni regionali del dicembre 2008. Il nome indicato è da ascriversi ad altro candidato nella circoscrizione Pescara nella lista di Rialzati Abruzzo. Il caso di omonimia ha reso necessaria una rettifica e/o comunque una precisazione per vedere tutelata l’immagine e il decoro del consigliere regionale Argirò, il quale non ha mai ricevuto contributi elettorali dall’imprenditore Di Zio ne tanto meno da altri soggetti imprenditoriali coinvolti a vario titolo nelle vicende giudiziarie regionali. Lo stesso Argirò specifica che le spese per la campagna elettorale del dicembre 2008 sono state completamente a suo carico e di non aver ricevuto nessun contributo finanziario da parte di soggetti terzi.
Condividi su:

Seguici su Facebook