Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Niente fuochi d'artificio il 16 agosto, ora si punti su azioni "ecologicamente sostenibili"

Il Forum Civico Ecologista Vasto ribadisce la propria posizione

Condividi su:

Riceviamo e pubblichiamo dal Forum Civico Ecologista Vasto.

La scelta del Sindaco di Vasto di annullare i fuochi d'artificio del 16 agosto non può che trovarci d'accordo: la nostra posizione è stata condivisa, e nelle ragioni che hanno spinto ad annullare l'evento ritroviamo tutte le considerazioni da noi formulate.

Bene infatti ha fatto Francesco Menna a seguire l'invito del Prefetto di Chieti ad emanare un'ordinanza che vietasse i fuochi pirotecnici, e le ragioni della nostra contrarietà, espressa nei due comunicati del 5 e del 9 agosto, hanno trovato pieno riscontro nelle indicazioni prefettizie: i devastanti incendi dei giorni scorsi, le temperature estremamente calde, i fumi che intasano l'aria, e il pericolo di ulteriori incendi in caso di forte vento, sono le questioni da noi sollevate nei giorni scorsi che non possono che portare un'Amministrazione ad adottare, giustamente, la decisione presa dal Comune di Vasto.

Questa è la decisione da noi sperata, e con tutta evidenza la nostra posizione poggiava su delle solide fondamenta. A questo punto bisogna continuare su questa direzione e, pertanto, insistiamo con le alternative ai fuochi da noi già proposte. In particolare si potrebbe pensare di utilizzare i fondi non usati per i
fuochi d'artificio per la creazione di un nuovo parco cittadino: alla luce della tanta vegetazione bruciata dagli incendi dei giorni scorsi, intervenire con opere di verde urbano con le sue funzioni di miglioramento della qualità della vita, rappresenterebbe un'ottima azione per una città più sostenibile. Inoltre interventi di forestazione urbana sono pienamente in linea con l'Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile dell'ONU e, nello specifico, con l'Obiettivo n. 11 “Città e Comunità
sostenibili”, e con la Strategia per la biodiversità al 2030 dell'UE.

Oppure, in vista dei festeggiamenti patronali previsti per il prossimo settembre, i 10.000 euro non utilizzati per i fuochi del 16 agosto potrebbero essere assommati ai fondi per l'organizzazione delle celebrazioni patronali, così da organizzare un evento che sia ambientalmente sostenibile come uno spettacolo con droni luminosi, ormai molto usato in tante città. Un tale evento, sì che richiamerebbe persone da tutta la provincia e non solo, e sì che farebbe bene ai tanti commercianti ed esercizi che in questi anni di pandemia hanno visto grandemente diminuire le proprie entrate. In tal modo, un evento ad impatto quasi zero – tanto da essere organizzato anche in zone sottoposte a tutela ambientale – riuscirebbe ad unire eventi turistici alla sostenibilità ambientale in quanto, se
bene organizzati, non influiscono sulla flora e la fauna, e comunque, a differenza dei fuochi pirotecnici che sono ecologicamente impattanti, non rilasciano sostanze inquinanti come PM2,5 e PM10, acidi e metalli pesanti.

Ribadendo la nostra soddisfazione per la scelta dell'Amministrazione di annullare i fuochi pirotecnici del 16 agosto, insistiamo affinché la scelta del Comune ricada ora su eventi e azioni ecologicamente sostenibili, cioè su pratiche alternative ad eventi inquinanti che riproducono usanze ambientalmente impattanti.

Condividi su:

Seguici su Facebook