Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

'Giornata del Rotary', una conferenza sulle iniziative del Club di Vasto

L'illustrazione del presidente Beniamino Di Domenica

Condividi su:

Il Rotary fu fondato il 23 febbraio 1905 a Chicago da un giovane avvocato che volle dare vita, assieme a tre suoi amici, ad un club di persone di differenti professioni, organizzando incontri all’insegna dell’amicizia per trascorrere insieme del tempo libero e allargare le proprie conoscenze professionali.

Da allora il Rotary, che ha per motto “Servire al di sopra di ogni interesse personale”, è cresciuto tanto da diventare una delle più grandi organizzazioni di servizi e “non profit” al mondo, con 34.404 club sparsi in circa 200 paesi di tutte le aree geografiche e con 1,2 milioni di soci, che rappresentano ogni categoria professionale.

Per ricordare l’evento fondativo la data del 23 febbraio è stata proclamata “Giornata del Rotary” a riconoscimento che il “Rotary International è un’organizzazione fattivamente e quotidianamente impegnata per migliorare la collettività locale e mondiale e le sue condizioni di vita”. Ed ecco spiegata l'iniziativa del presidente del Rotary Club di Vasto, Beniamino Di Domenica, che ha voluto ricordare, durante una conferenza stampa, i tanti traguardi raggiunti dal Rotary International.

In particolare il presidente, presenti i soci, alcuni giornalisti e il presidente dell’Assostampa Vastese cav. Giuseppe Catania, si è soffermato sul finanziamento dei progetti di comunità per fornire apparecchiature mediche, assistenza sanitaria, acqua potabile, produzione alimentare, formazione professionale e istruzione a milioni di bisognosi, nei paesi in via di sviluppo; sul programma della Polioplus per eradicare la poliomielite e immunizzare i bambini di tutto il mondo, programma cui hanno aderito anche l'Organizzazione Mondiale della Sanità e l'Unicef, ottenendo che i casi di polio siano scesi del 99% dal 1988 a oggi e che il mondo sia sulla soglia della totale eradicazione della malattia; sul contributo dato (quasi 1,2 miliardi di dollari e innumerevoli ore di volontariato) per la protezione di più di due miliardi di bambini in 122 Paesi; sugli sforzi che stanno fornendo sostegno operativo, personale medico, attrezzature di laboratorio e materiale didattico per gli operatori sanitari e genitori impegnati in opere umanitarie nel mondo; e, infine, sui finanziamenti dei progetti di servizio per risolvere questioni critiche come la povertà, la salute, la fame, l'analfabetismo e l'ambiente nelle comunità bisognose.

Di Domenica è passato, quindi, a parlare del club di Vasto, che è stato fondato il 7 giugno 1973 (quest’anno si celebra il quarantesimo anniversario di fondazione) e che è composto attualmente da 43 soci, di cui 5 donne. Il club in questi ultimi anni ha espresso ben due Governatori del Distretto 2090: il cav. Riccardo Calogero Marrollo e l’ing. Francesco Ottaviano. “Il club – ha precisato, inoltre, il presidente – sta attuando diversi progetti di servizio, (interventi di restauro di Palazzo d’Avalos, Casa Accoglienza–Genova Rulli, Alfabetizzazione, Educazione alimentare, Generazione futura 'Scegli la tua strada', realizzazione museo del gusto, celebrazione 40° anniversario, microcredito in Congo, finanziamento impianto acqua potabile in Congo, partecipazione diretta nell’organizzazione del 'Rotary Campus – Franca Marrollo' per disabili”.

Di Domenica ha subito aggiunto: “Ma il club è presente sul territorio anche ad eventi a carattere divulgativo. Ricordo la partecipazione al Premio Nazionale Histonium, al Festival della Scienza, all’interclub sul tema “Sole e vento, natura per fare impresa” e alla conferenza sulla sicurezza nel territorio vastese. Ricordo ancora l’organizzazione del Premio Antenucci, della conferenza sulle aree protette e la green-economy, del convegno sull’agroalimentare nel vastese, del convegno sull’etica e la pace, della conferenza  sulla figura di Enrico Mattei a 50 anni dalla scomparsa”.

Catania, a nome di tutti i giornalisti, ha voluto ringraziare Di Domenica per l’invito alla conferenza stampa, sottolineando poi l’importanza delle iniziative attuate dal club in questo anno rotariano e delle altre messe già in cantiere, iniziative che evidenziano l’impegno costante del Rotary per la cultura, il servizio e la solidarietà.

Condividi su:

Seguici su Facebook