Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Ha ancora senso regalare fiori o piante?

Patrizia Sacramone di Sessantasette Fiori: “I fiori hanno il potere speciale e immediato di portare bellezza, fanno emozionare, nutrono la nostra anima”

Condividi su:

In un’era dove predomina il digitale ha ancora senso regalare un mazzo di fiori o una pianta? Abbiamo fatto questa domanda a Patrizia Sacramone, fioraia di Sessantette Fiori a Via Giulia 22 a Vasto. 

“Cerchiamo tutti il bello in questa vita, e i fiori hanno il potere speciale e immediato di portare bellezza, una bellezza sensoriale e emotiva”, ha risposto Patrizia. “I fiori sono una di quelle piccole cose così non necessarie eppure così indispensabili. Quelle piccole cose che fanno la differenza. Sono i fiori che rendono speciale il tuo angolino a casa, che regalano un sorriso a un viso triste, che creano un’atmosfera colorata e profumata. Freschi, secchi, dai colori tenui o dalle tinte sgargianti, raccolti in mazzi e mazzetti o disposti ordinatamente nei vasi: qualsiasi siano i fiori dei nostri sogni, possono ancora far emozionare, accolgono i nostri stati d’animo, donandoci quiete, serenità, nutrendo la nostra anima”. 

Patrizia Sacramone è una fioraia appassionata che è riuscita a unire nel suo lavoro tutte le sue passioni e competenze. Lei può essere considerata un’autentica artista, creativa, originale, appassionata del riciclo e riuso creativo di materiali diversi e dei fiori e delle piante, che riesce a comporre come vere e proprie opere d’arte. Da lei è bandita la plastica in ogni suo uso. Gli incarti sono originalissimi, fatti di stoffa o carta, con colorati fiocchi di raso, ma anche di spago di tutte le dimensioni o di fili di carta costruiti ad arte da lei stessa, ma anche con l’uso di grandi barattoli di vetro, rendendo sempre protagonista il fiore. 

Patrizia oggi sulla sua lavagna in bottega ha scritto: “Se non cogli l’essenza non ti preoccupi della durata”. Perché un fiore è ancora capace di creare emozioni, piacere che si assapora soltanto sapendo che è unico ed effimero. 

Condividi su:

Seguici su Facebook