Partecipa a Histonium.net

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Almanach Bierkeller: la bontà di una pizza genuina con la cortesia di una gestione familiare

Il pub in contrada Incoronata propone la sua pizza speciale da trentaquattro anni

Condividi su:

Appena si entra all’Almanach Bierkeller si respira un’atmosfera di familiarità e di cortese benvenuto. Il personale, in primis il proprietario Fabrizio La Viola, dispensa sorrisi e cordialità ai clienti; per questo, complice il posto immerso nella campagna, non si fatica a rilassarsi. Di questa stagione, poi, è possibile mangiare fuori nel  balconicino e nel porticato in legno, godendo ancor più della tranquillità campestre. Se invece ci si vuole immergere nel tradizionale stile dei pub tedeschi, meglio optare per le sale interne, i cui arredi sono tutti realizzati in legno e presentano i colori bianchi e azzurri della Baviera. Dietro al bancone un’intera parete è ricoperta da  sottobicchieri delle varie birre, che assieme ai disegni di bevitori alle pareti o appesi ai quadri, danno un’impronta di originalità all’arredamento del locale.

Da brava amante dell’atmosfera da pub tedesco ho preferito prendere posto all’interno e ho ordinato un panino Dresda e una triplo malto bionda. Panino fumante, fatto con pane croccante e hamburger di buona qualità, condito con funghi sott’olio e maionese. Dei panini e degli hamburger vi è una scelta contenuta, che però soddisfa tutti i gusti, perfino quelli più particolari: <Prepariamo anche hamburger vegetariani> spiega Fabrizio.

La specialità del pub, che giustifica la scelta più ridotta di panini e hot dog, è la pizza: bassa e sottile, condita abbondantemente. Accanto a quelle tradizionali, l’Almanach offre un’ampia gamma di pizze, tra cui spiccano la Piera e la Mozzafiato, le più richieste e conosciute in questi trentaquattro anni d’attività. La Piera è un connubio di patate, mozzarella, funghi champignon freschi e prosciutto crudo, mentre la Mozzafiato, come dice il nome stesso “mozza il fiato” per la combinazione di pomodoro, mozzarella, gorgonzola, alici e peperoni  con il piccante. Il menù  è arricchito da alcuni piatti da ristorante per accontentare chi non vuole mangiare pizza. 

Gustare il panino o la pizza con le buone birre proposte dall’Almanach è sicuramente un’accoppiata vincente, come ho potuto costatare io stessa, accostando al mio panino una triplo malto bionda made in Belgio in bottiglia. L’Almanach propone una buona scelta di birre, tra quelle in bottiglia e alla spina. Nella lista delle birre in bottiglia troviamo le più ricercate, tra cui anche quella senza glutine, per dare la possibilità ai celiaci di gustare questa bevanda. Le birre alla spina del pub sono una Pils della bassa Baviera, una Weiss, una doppio malto bionda e scura. Oltre a queste, per l’estate  l’Almanach propone un’American Pale Ale, più fresca e leggera rispetto agli altri tipi di birra. <<A seconda del periodo dell’anno inseriamo nella lista delle spine una differente qualità di birra che si adatti alla stagione. Anche il menù, come le birre, varia ed è molto dinamico per adattarsi alle esigenze dei clienti>> - afferma Fabrizio. I prezzi del menù sono nella media e si paga solo ciò che si mangia, dal momento che il costo del coperto è molto basso.

La formula vincente del locale consiste sicuramente nella gestione familiare con Fabrizio in sala e i due genitori, Gino La Viola e Maristella D’Antonio in cucina, alla preparazione delle pizze. L’atmosfera di cordialità e familiarità, infatti, si respira dall’inizio alla fine della serata, quando paghi il conto e Fabrizio, da bravo “padrone di casa”  ti offre un caffè o un amaro.   

Condividi su:

Seguici su Facebook