Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

TEATRO ROSSETTI, PRESENTAZIONE LIBRO “LE TRAPPOLE DELL’IDENTITA’”DI COSTANTINO FELICE

- Al: 11/06/2010, 00:00 | Categoria: Associazioni
STAMPA
.......

Luogo: Vasto, Teatro Rossetti Data: Venerdì 11 Giugno, ore 17,30 Oggetto: Incontro-dibattito sul libro di Costantino Felice “Le trappole dell’identità”, sottotitolo: L’Abruzzo, le catastrofi, l’Italia di oggi INTERVENGONO: •Dacia Maraini (Scrittrice) •Stefano Trinchese (Preside della Facoltà di Lettere – Chieti) Un nuovo saggio dello storico Costantino Felice verrà presentato venerdì prossimo 11 giugno alle ore 17.30 al teatro Rossetti di Vasto nel corso di un incontro-dibattito con l'autore.

Il libro edito per i tipi di Donzelli Editore si intitola "Le trappole dell'identità. L’Abruzzo, le catastrofi, l’Italia di oggi". Dopo il saluto di Giuseppe Forte, presidente del Consiglio comunale, e di Anna Suriani, assessore alla Cultura, ci saranno gli interventi della scrittrice Dacia Maraini e di Stefano Trinchese, preside della Facoltà di Lettere dell'Università D'Annunzio di Chieti, con il coordinamento di Maria Rosaria La Morgia, giornalista della sede Rai di Pescara. Come spiega lo stesso autore nell’introduzione, la stesura del libro è nata dopo il terremoto del 6 aprile 2009, ma oltre ad analizzare alcuni aspetti storici e sociali sul terremoto, svela le trame narrative “che vi hanno intessuto sopra il potere politico e l’informazione una travolgente ondata di retorica su stereotipi e luoghi comuni che non poteva non sorprendere chiunque avesse un minimo di frequentazione con la storia delle catastrofi, oltre che con la particolare storia di questa regione. Un antico adagio vorrebbe che nella sventura si manifesti la vera natura dell’uomo”, continua l’autore e si pone degli interrogativi a cui cerca di dare delle risposte concrete nello sviluppo dei vari capitoli: “Ma quale umanità? Quella generosa e solidale decantata da ogni cronista e commentatore più o meno avveduto? O che altro?”. Il recente terremoto nell’Aquilano ha mostrato la dignità di un popolo, quell’Abruzzo forte e gentile decantato negli annali letterali della nostra regione “Un tipico clichè di derivazione letteraria diventa assunto incontrovertibile per ogni narrazione, anche quelle all’apparenza più serie e meditate, sulla particolare tempra di quella popolazione. Ma dal lato storico quale verosimiglianza può avere una tale trasposizione?”. Il libro, composto da quasi duecento pagine, pubblicato per i tipi della Donzelli Editore di Roma, è diviso in cinque macrotematiche con all’interno analisi e sfaccettature trattate con assoluta competenza e professionalità. Si comincia con Catastrofi e luoghi comuni: quale umanità? passando dal terremoto aquilano, alla guerra e resistenza, dal ribelle al partigiano, per proseguire con Quadri ambientali e l’identità regionale, tra abruzzesità e il “pastore” d’annunziano e il “cafone” siloniano e ancora tanto altro in un libro tutto da gustare. Costantino Felice insegna Storia economica all’Università di Chieti e Pescara. Studioso di storia del Mezzogiorno ha dato alle stampe numerose pubblicazioni tra le quali ricordiamo "Porti e scafi" (1983), "Agricoltura e lotte contadine nel Vastese" (1981), "Vasto un profilo storico" (2001), "Il disagio di vivere" (1989), "Il Sud tra mercati e contesto" (1995), "Il Mezzogiorno operoso" (2008), "L’agricoltura abruzzese dall’Unità a oggi" (2007), "Dal borgo al mondo" (2001). (Tratto da Histonium net, articolo di Lino Spadaccini)

Valentina Chioli

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK