Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

I sindaci del Vastese incontrano Poste Italiane: “Maggiori servizi per i piccoli Comuni”

All’evento di Roma presenti alcune delle cariche istituzionali più alte del nostro Paese

| di redazione
| Categoria: Varie
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

I sindaci italiani dei piccoli Comuni si sono riuniti oggi a Roma, presso il Centro Congressi “La Nuvola” dell’Eur, per l’incontro organizzato da Poste Italiane, che ha l’obiettivo di promuovere un dialogo diretto e permanente con il territorio e presentare nuove iniziative. All’evento presente anche una rappresentanza di primi cittadini del Vastese – Monteodorisio, Scerni, Perano, Fraine, Liscia, San Buono, Castelguidone e Schavi d'Abruzzo.

“Possiamo conoscere quali sono le proposte offerte da Poste Italiane e cercare di portare una serie di agevolazioni nel nostro paese, capire come possono rivelarsi utili per il bene della nostra comunità. – spiega il sindaco di Monteodorisio, Catia Di Fabio – L’ ufficio postale è aperto tutti giorni e abbiamo anche un postamat, ma il nostro problema è che si trova in una posizione poco agevole per i cittadini, soprattutto per gli anziani. Quello che cerchiamo di fare come Amministrazione Comunale è di migliorare l’accesso all’ufficio postale e i servizi da offrire al nostro paese.”

“Un evento importante che Poste Italiane ha voluto dallo scorso anno per i piccoli Comuni, - dichiara il Sindaco di Scerni, Alfonso Ottaviano – si tratta di un momento di condivisione, di partecipazione, per sostenere le piccole comunità, agevolare i Comuni e far sì che ci possa essere una vicinanza tra un ente così importante come Poste Italiane e i Comuni che negli anni hanno visto una riduzione di una serie di servizi e quindi credo che sia un’occasione importante nella quale crediamo. Abbiamo un ufficio postale aperto tutti i giorni e un postamat, Poste Italiane ha messo in campo altri servizi per i quali stiamo facendo le giuste valutazioni, come il servizio di Tesoreria. Alle Poste chiediamo di mantenere un presidio sul territorio, una vicinanza verso i cittadini, dialogare ed erogare servizi anche nei piccoli Comuni, cosa che negli anni sia Poste Italiane che le banche hanno cercato di ridurre per varie ragioni, creando disagi ai cittadini.”

“Il Comune di Liscia è rimasto senza servizi. L’ufficio postale è aperto a giorni alterni e non abbiamo uno sportello postamat. – afferma il primo cittadino Antonio di Santo - Non abbiamo più nemmeno lo sportello di Ubi Banca. L’unica carenza è quella della liquidità, serve assolutamente uno sportello postamat, mi auguro che in futuro possiamo porre le basi anche per il servizio di Tesoreria.”

“Vogliamo conoscere bene quali sono le proposte di Poste Italiane per i nostri cittadini, a San Buono il servizio postale è garantito tutti i giorni. - dice il sindaco Nicola Zerra - Il cittadino deve essere supportato per quanto riguarda soprattutto la gestione del risparmio. Visto che ci sono numerosi pensionati, è bene avvalersi di figure competenti che sappiano dare le giuste indicazioni per i pensionati e per i loro figli. Abbiamo richiesto anche la disponibilità di un servizio Atm, che può integrare quello che già è un servizio molto utile, che è lo sportello aperto.”

“L’anno scorso Poste Italiane ha proposto 10 linee programmatiche per i piccoli Comuni, tra cui quella di continuare a mantenere aperti gli uffici postali anche se a giorni alterni. - spiega Filippo Stampone, sindaco di Fraine – Così come per i piccoli Comuni, anche per il mio paese mi auguro che venga attivato un servizio atm e che ci sia l’adeguamento dell’ufficio postale. Nel nostro Comune ci sono ancora barriere architettoniche da superare.”

“Chiediamo l’Atm e il servizio di Tesoreria, lo sportello è aperto a giorni alterni, mi aspetto che Poste Italiane continui a mantenere gli impegni che ogni anno prende a favore dei piccoli Comuni, per evitare le marginalizzazioni” fa sapere il sindaco di Castelguidone, Donato Sabatino.

“In questa seconda edizione abbiamo appreso anche gli impegni che ogni ministro ha preso per i piccoli Comuni – dice il sindaco di Schiavi d’Abruzzo, Luciano Piluso -  se venisse messo in pratica quanto detto si tratterebbe di un grande vantaggio per i piccoli Comuni, è ora quindi di passare ai fatti. Avendo un ufficio postale che lavora a giorni alterni, quello che chiediamo è l’attività dello stesso a tempo pieno.”

All’evento organizzato da Poste Italiane, sono intervenuti: Maria Bianca Farina, Presidente Poste Italiane, Antonio Decaro, presidente Anci, Matteo Del Fante, Amministratore Delegato e Direttore Generale Poste Italiane e alcune delle cariche istituzionali più importanti del nostro Paese. Tra queste: Giuseppe Conte, Presidente del Consiglio dei Ministri, Roberto Gualtieri, Ministro dell’Economia e delle Finanze, Nunzia Catalfo, Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Francesco Boccia, Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie, Paola Pisano, Ministro per l’Innovazione Tecnologica e la Digitalizzazione, Giuseppe Provenzano, Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale e Dario Franceschini, Ministro dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

redazione

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK