Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

La figura di Giovanni Paolo II nella testimonianza del Maestro delle Cerimonie

L'incontro alla parrocchia di San Paolo con mons. Piero Marini

| Categoria: Varie
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

“Sono contento di averla nella nostra Diocesi e nella nostra città del Vasto. Lei ha un volto molto noto, perché per anni l’abbiamo visto come Maestro delle Cerimonie accanto a Giovanni Paolo II e Papa Benedetto XVI, ma non ne conosciamo la voce. Questa sera, invece, è venuto per parlare della liturgia e per darci una personale testimonianza su Giovanni Paolo II, appena proclamato Santo, un Papa, a cui personalmente sono legato perché la mia formazione in seminario l’ho vissuta durante il Suo Pontificato”.

Con queste parole, don Gianni Sciorra, parroco di San Paolo Apostolo, si è rivolto, martedì 29 aprile, a mons. Piero Marini, prima che il coro parrocchiale intonasse il canto “Aprite le porte a Cristo”.

Don Gianni nel suo indirizzo di saluto ha voluto anche ringraziare il pubblico presente, nell’auditorium della parrocchia, in particolare il nutrito gruppo dell’Unitalsi e le autorità. Ha infine invitato tutti ad ascoltare la preziosa testimonianza di mons. Marini che ha avuto la possibilità di incontrare il Papa per l’ultima volta qualche ora prima della morte.

Nel prendere la parola Mons. Marini, dopo aver espresso la sua gioia di essere a Vasto, è entrato subito in argomento, approfondendo la valenza spirituale della canonizzazione di Giovanni Paolo II (avvenuta assieme a quella di Giovanni XXIII).

“Questa canonizzazione – ha detto l’oratore – che ha ufficializzato il culto di venerazione di Papa Karol Wojtyla nel mondo intero -, è un invito a rileggere con più attenzione la vita del Papa santo e a riscoprirne i tanti valori, che essa ha saputo offrire ai credenti e non”. La mia testimonianza nei confronti di Giovanni Paolo II, ha continuato mons. Marini, si può riassumere in due immagini significative: l’aver partecipato (il 27 aprile) alla concelebrazione per la canonizzazione assieme a Papa Francesco, al Papa emerito Benedetto XVI, ai cardinali e agli altri vescovi, mi ha richiamato l’immagine di Chiesa che il Concilio ha voluto, secondo la fisionomia originaria, e l’aver visto (il 28 aprile) la grande venerazione dei polacchi alla tomba di Karol Wojtyla mi ha regalato l’immagine della fede di questo popolo.

Questa seconda immagine, ha aggiunto mons. Marini, mi offre l’opportunità di cogliere due aspetti della vita di Karol Wojtyla in Polonia: la sua fermezza nell’affrontare le difficoltà esistenziali (in una Polonia tormentata dalla guerra e dall’ostilità verso la religione cattolica) e il suo intenso amore verso la Vergine Maria, sviluppatosi soprattutto nel clima spirituale del Santuario della Madonna di Czestochowa, tempio diventato il simbolo della stessa Polonia. Le radici e le esperienze polacche hanno segnato indelebilmente il pontificato di Giovanni Paolo II. Così, tanto per citare qualche esempio, egli amava celebrare la Messa soprattutto all’aperto (ricordando le restrizioni imposte
alle celebrazioni religiose dal governo comunista), oppure in ogni viaggio voleva che si organizzasse una celebrazione ecumenica (ricordando la presenza in Polonia della grande Comunità ebraica).

Un ulteriore evento, ha detto ancora Marini, che ha inciso sul lavoro pastorale di Wojtyla da vescovo e da cardinale in Polonia e in seguito sull’attività apostolica da Papa è stato il Concilio Vaticano II, a cui ha partecipato quando aveva 42 anni. Egli attribuiva al Concilio “un significato unico ed irripetibile, in particolare per l’esperienza dello stare insieme come comunità ecclesiale”. Lo ha sempre ritenuto, poi, un momento di grande formazione personale. Di qui il suo impegno di “sdebitarsi” nei riguardi del Concilio, attraverso una continua opera di attuazione dei contenuti e del rinnovamento.

A questo punto mons. Marini ha sfogliato virtualmente il suo album di ricordi accanto a Wojtyla, da quando lo ha conosciuto per la prima volta in Polonia nel maggio del 1973 fino alla sua quotidiana vicinanza come cerimoniere papale. Un’esperienza importante che lo ha aiutato ad apprezzarne alcune particolari virtù, quali la padronanza di sé, la profonda umiltà (“Una volta il Papa mi chiese scusa per aver sorriso durante la Messa”), il tratto signorile, ma anche la fermezza nel difendere i principi umani e morali, la sua passione evangelizzatrice e il suo impegno nell’attuare la liturgia del Concilio.

E’ seguito il dibattito. La serata si è conclusa con un canto interpretato dal Coro Gospel 'Angel's Eyes'.

Luigi Medea

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK