Mercoledì, 16 Aprile 2014 (S. Lamberto martire)
DAL TERRITORIO:

Sei in: News » Varie » L'addio alla maestra di scuola elementare Franceschina Di Filippo in Colaneri

06/01/2013, 10:16 Varie

L'addio alla maestra di scuola elementare Franceschina Di Filippo in Colaneri

Un sentito ricordo ed una testimonianza sull'attività dell'insegnante

  • mail
  • Condividi su facebook

E' passata a nuova vita una “prestigiosa” maestra di scuola elementare, Franceschina Di Filippo in Colaneri.

E’ ancora vivo il ricordo di me neo maestra diplomata che muovevo i primi passi nel mondo della scuola. Erano gli anni 80, la scuola della maestra unica, tuttologa, della selettività in ripetenti confinati agli ultimi banchi e di un diritto allo studio riconosciuto molto spesso solo ai privilegiati e meno ai bisognosi.

La rivoluzionaria legge 517 del 77 aveva abolito le scuole speciali e inserito, seppur “selvaggiamente”, gli alunni portatori di handicaps presso le scuole comuni. Appena diciannovenne, incominciai, da studentessa, a svolgere, per ben due anni, le mie numerose ore di tirocinio richieste dal corso di specializzazione per l’insegnamento a bambini diversamente abili, presso la classe della maestra Franceschina Di Filippo in Colaneri. Tra i suoi alunni c’era una bambina speciale attenta e volenterosa, seduta insieme ai compagni, ai primi banchi. L’alunna, portatrice della sindrome di Down, era seguita per poche ore dall’insegnante di sostegno e nelle restanti dalla “prestigiosa” maestra Franceschina che aveva adottare una didattica individualizzata e personalizzata per la piccola, precorrendo i tempi in un appassionato “fare” didattico ed in una “magistrale” amorevole fermezza. Se la cavava egregiamente nelle vesti di una maestra progressista, autodidatta, attenta all’educazione e alla costruzione della scuola “di tutti e di ciascuno”  come diceva Don Milani, in una didattica “umanizzata” ispirata da Mario Lodi.

Io, seduta tra i banchi, ero affascinata da questa musa ispiratrice che, entusiasta, dava sostanza ad idee e fantasia ai suoi alunni con “la grammatica della fantasia” di Gianni Rodari. Era sempre pronta, da buona ricercatrice didattica, ad invitanti riflessioni sui contenuti e metodi  educativi e soddisfatta ed appagata nel vedere crescere i propri alunni. Non  avrei potuto desiderare altra maestra con la quale condividere le prime emozioni legate al mio apprendistato. E’ stata lei, da grande pedagogista e maestra innovatrice, che mi ha guidata ed appassionata con il suo esempio, dandomi i primi arnesi del mestiere: saper insegnare dalla parte del bambino, imparando a conoscerli ed aiutarli a crescere nella scuola di tutti.

I funerali della maestra sono stati celebrati questa mattina nella Cattedrale di San Giuseppe a Vasto.

Un grazie speciale maestra Franceschina
Con affetto Miranda Sconosciuto

Miranda Sconosciuto
Fai una donazione

Media

annunci
stilefashion
viverecongusto
terraecuore
percorsitoscani

Newsletter



Contatti

Contatta la redazione
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo

facebook twitter youtube

Partner

© 2001-2014 - È vietata la riproduzione, anche solo in parte, di contenuto e grafica.

Reg.Tribunale di Vasto n.106 del 25 Mag 2005 | Anno 10 | numero 106