Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Appuntamenti religiosi e popolari in onore di Sant'Antonio Abate

Sabato e domenica le celebrazioni nel quartiere a Vasto Alta

| di Lino Spadaccini
| Categoria: Tradizioni
STAMPA

Festeggiamenti, nel fine settimana, a Vasto Alta, in onore di Sant'Antonio Abate, nell'omonimo quartiere cittadino. Martedì sera ha preso il via la quintena di preparazione per la ricorrenza.

Sabato 1° giugno la S. Messa sarà anticipata alle ore 17, per permettere la partecipazione dei fedeli alla processione del Corpus Domini, in partenza del piazzale antistante la chiesa di S. Giovanni Bosco. In serata balli in piazza con un gruppo musicale.

Domenica 2 giugno, alle ore 9 è prevista l’apertura dei festeggiamenti con il consueto sparo di mortaretti. Nel pomeriggio, alle 15,30, si svolgeranno giochi e animazione per bambini e ragazzi, mentre alle 16,30 il Complesso Bandistico “San Martino” di Vasto farà il giro del quartiere intonando brani famosi della tradizione bandistica.

Alle ore 18,30 don Massimo D’Angelo, parroco della parrocchia di Santa Maria del Sabato Santo, presiederà la celebrazione eucaristica, al termine della quale seguirà la processione con la statua del Santo per le vie del quartiere. In serata musica e intrattenimento con l’Orchestra “Angel Fisa”.

Il popolo vastese ha sempre avuto una grande devozione per il santo protettore degli animali, basti pensare che negli annali vastesi si ricordano ben tre cappelle a lui dedicate. La chiesa di S. Antonio Abate è situata lungo il tratturo L’Aquila-Foggia, sulla strada che conduce a Cupello. Sulle sue origini non sappiamo molte notizie, ma è certo che esisteva già nel 1569. Essendo una cappella rurale, la custodia ed il mantenimento era affidata alla volontà e alla dedizione di pochi fedeli devoti al santo, pertanto a causa della mancanza di fondi, spesso cadeva in rovina.

Come riferisce l’iscrizione murata sopra la porta d’ingresso, la chiesa venne riedificata nel 1876, mentre altri sostanziosi lavori di restauro vennero realizzati nel 1994. All’interno dell’edificio l’Altare, il Leggio ed il Tabernacolo in pietra sono stati lavorati dallo scultore vastese Domenico Zambianchi. Una seconda cappella dedicata a Sant’Antonio Abate si trovava nelle vicinanze della chiesa della Madonna delle Grazie e le sue notizie più antiche, raccolte dallo storico Luigi Marchesani, risalgono al 1644; mentre una terza cappella, menzionata nel 1742, si trovava in contrada Pietra, dirimpetto la chiesa della Madonna dei Sette Dolori. Queste ultime due cappelle già alla fine del Settecento erano cadute in rovina. Possiamo qui ricordare anche la cappella domestica rurale presente a casa di Pietro Muzii e la cappella all’interno della chiesa di S. Maria Maggiore, restaurata nel 1567 da Tullio Caprioli per destinarla a tomba di famiglia.

Sant’Antonio Abate viene venerato e festeggiato anche in contrada Pagliarelli, dove all’interno della chiesa è presente un bel quadro del pittore vastese Filandro Lattanzio.

Lino Spadaccini

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK