Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!
Spazio Aperto è uno spazio offerto alla città, alle associazioni, agli enti, a quanti intendono partecipare alla vita sociale e culturale del territorio. Scopri di più.

Alla scoperta degli antichi tesori di Vasto

Iniziativa dell'Associazione Vigili del Fuoco in congedo

| di Claudia Castelli
| Categoria: Cultura | Articolo pubblicato in Spazio Aperto
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Vasto è una bellissima città che risplende nel golfo d’oro. La parte vecchia di Histonium è un vero spettacolo caratterizzato da stradine e piazze. Passeggiando nel centro storico, si possono ammirare resti di ville romane, insediamenti risalenti all’epoca medievale e incantevoli strutture architettoniche.

L'Associazione Vigili del fuoco in congedo, fondata nel febbraio del 2009, è fortemente impegnata nel campo delle attività culturali. L’iniziativa dell’Associazione dei Vigili del fuoco in congedo, svoltasi questa mattina, è riuscita perfettamente a perseguire la sua mission, arrivando ad accogliere oltre 100 persone. La camminata culturale, cominciata alle 9.30, si è aperta con la visita a “Giardino nascosto”, ampia villa del 1700, situata su due livelli. Al piano terra si trova un ampio salone con accesso diretto al giardino. L'antica dimora, proprietà della famiglia Vallone, è stata trasformata in una casa vacanze. La visita è proseguita nei locali Agostiniani, che si trovano sotto la Cattedrale di San Giuseppe, nel cuore del centro storico per poi arrivare nella Chiesa di Santa Filomena e nei giardini del Palazzo Genova Rulli. Sita nel Palazzo Genova Rulli, la Chiesa di Santa Filomena, esisteva già nel XIII secolo, quando era l'ospedale dell'Annunziata, retto dall'omonima confraternita. Nel 1500 l'ospedale venne donato a frate Giovan Battista da Chieti, per introdurre l'ordine di San Domenico, così la chiesa venne trasformata in un convento con sei celle. Nel 1789 fu ricostruita in forme più modeste, nel 1809 Gioacchino Murat con apposito decreto soppresse gli ordini religiosi, e così anche la Congrega dell'Annunziata. La chiesa passò ai Chierici della Madre di Dio di Napoli, che non mostrarono interesse per la piccola chiesa vastese. La nobile famiglia Genova Rulli allora acquistò la chiesa con il convento, trasformando quest'ultimo in residenza signorile, mentre Giuseppe Antonio Rulli, con interessamento dell'arcivescovo Saggese, provvedeva al restauro della cappella. L'attuale chiesa ha un aspetto tardo barocco molto semplice, con facciata in bugnato liscio, architrave a timpano triangolare e navata unica. Il palazzo Genova-Rulli su via Anelli, oltre a inglobare la chiesa di Santa Filomena, ha una estensione lungo via Anelli e si sviluppa con locali a pieno strada entrando attraverso un portone che immette, superando una scalinata, al piano superiore dove si trovano numerose stanze le cui finestre si affacciano su via Anelli e sull'adiacente giardino.Il palazzo ha ospitato l'Ufficio dell'Arcivescovado e del Tribunale (uffici giudiziari e sala delle udienze).

Vasto ha una storia artistica e culturale che deve essere salvaguardata in tutte le sue forme.

Claudia Castelli

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK