Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Arriva il Giro d'Italia: "Ridare decoro all'ingresso della città"

Nell'elenco delle segnalazioni una serie di 'brutture storiche' salendo dalla Marina

| di Nicola D'Adamo (NoiVastesi)
| Categoria: Attualità
STAMPA

Fotogallery: clicca sulle immagini per ingrandirle

printpreview

Il 17 maggio arriva il Giro d’Italia a Vasto. Un’occasione unica per promuovere l’immagine della città tramite i collegamenti che vanno in mondovisione in 192 paesi del mondo. 

Mancano sei settimane all’evento per cui bisogna intervenire con fretta per eliminare alcune “brutture storiche”, a cui purtroppo il nostro occhio si è abituato, tanto da non percepirle più come tali. 

Noi proviamo a fare un elenco sulla scorta delle segnalazioni ricevute negli ultimi tempi da parte dei nostri lettori. Sono tutti interventi di poco impegno economico che, però, se fatti aiutano notevolmente a migliorare l’immagine della città. 

Iniziamo con l’ingresso a Vasto salendo da Vasto Marina. 
Forse non ci rendiamo più conto delle diverse brutture, ma le cose da sistemare sono parecchie. 

Allo svincolo per il viadotto Histonium, a destra da molti anni c’è un tratto di guardrail rotto e scivolato verso la scarpata. Di fronte un pezzo da sostituire. 

Facendo pochi metri in direzione piazza Verdi c’è un ponticello più volte riparato con diversi stili,a cui bisognerebbe ridare decoro.
A destra prima del muro in mattoni, ci sono delle orrende protezioni provvisorie realizzate con spartitraffico in plastica.  Oltre il muretto, un'altra protezione provvisoria fatta con transenna e plastica A sinistra,  la protezione è realizzata per un tratto con tubi di ferro arrugginito e un altro pezzo con guardrail. 

Procedendo, a destra sistemare bene il guardrail e il verde, a destra c’è la parte terminale della scarpata del Belvedere. Si potrebbe un piccolo cordolo al di sopra del quale mettere a dimora fiori o una piccola siepe per ridare decoro al lato strada. 

Procedendo di pochi metri si giunge sotto il viadotto. Qui sotto cittadini incivili lasciano di tutto. Bisogna assolutamente trovare una soluzione: recintarlo o farci delle aiuole o delle siepi, ma così non può stare. 

Da quel punto fino alla rotonda di piazza Verdi, bisogna lavorare di fantasia. Sistemazione dei cordoli, marciapiedi e arredi urbani che si abbinano all’ambiente.

Sono tutti piccoli lavori che non comportano grande spesa, ma che migliorano notevolmente l'ingresso alla città, che è il biglietto da visita per un centro turistico.

Nicola D'Adamo (NoiVastesi)

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK