Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Omicidio di Vasto e pena ridotta in Appello, reazioni contrastanti

Difesa di Di Lello e famiglia D'Elisa commentano la decisione della Corte aquilana relativa al processo per il delitto del 1° febbraio 2017 avvenuto in viale Perth

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Reazioni contrastanti, inevitabilmente, alla lettura della sentenza della Corte d'Assise de L'Aquila che ha ridotto da 30 a 20 anni la pena inflitta a Fabio Di Lello, responsabile dell'omicidio del giovane Italo D'Elisa, avvenuto a Vasto il 1° febbraio 2017 in viale Perth.

Ha gridato tutto il suo dolore in aula - si legge sull'edizione abruzzese dell'Ansa - la mamma di Italo d'Elisa, ucciso a alcuni colpi di pistola davanti a un bar. "Lo Stato lo ha ucciso un'altra volta - ha detto la donna - invece di stare vicino alle persone che vi si affidano per essere protette dalla giustizia".

La famiglia D'Elisa ha poi diramato un comunicato: "La famiglia di Italo d’Elisa è rimasta sorpresa e sconcertata all’esito della lettura del dispositivo della Corte d’Assise d’Appello dell’Aquila che contraddice dati univoci emersi nel corso del processo sia di primo che secondo grado e comunque attende di conoscere le motivazioni della sentenza stessa per ogni determinazione a riguardo”.

Per la difesa di Di Lello, rappresentata dagli avvocati Pierpaolo Andreoni e Giuliano Milia: "Non c'è soddisfazione - dicono all'Ansa - in una sentenza pur sempre di omicidio, ma siamo felici per la comprensione della Corte che ha capito il dramma psicologico e umano di Di Lello anche rafforzata dalla perizia psichiatrica del giovane". Difesa che ha puntato sulla clemenza della Corte per smontare la tesi della premeditazione e sull'interpretazione della perizia psichiatrica ripercorrendo lo stato d'animo di Di Dello dopo la morte della moglie Roberta Smargiassi investita in sella ad uno scooter da D'Elisa nel luglio 2016. "Non ci può essere soddisfazione - aggiunge Andreoni - quando sono coinvolte a vario titolo tre famiglie. Abbiamo fatto il nostro dovere di avvocati e i processi si fanno in aula e non con gli articoli di giornale". 

 

redazione

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK