Rimani sempre aggiornato sulle notizie di histonium.net
Diventa nostro Fan su Facebook!

Dai domiciliari al carcere, nuovo provvedimento a carico di un 'soggetto pericoloso'

Ulteriore aggravamento della misura cautelare nei confronti di un 33enne domiciliato a Vasto

| di redazione
| Categoria: Attualità
STAMPA

Personale della Squadra Anticrimine del Commissariato di Polizia di Vasto ha arrestato Ismail Lhasni, 33 anni, di origini marocchine, domiciliato a Vasto, in esecuzione di un’ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa dal Gip di Pescara.

Il provvedimento è stato emesso in sostituzione della misura cautelare degli arresti domiciliari a cui l’uomo era sottoposto dallo scorso mese di aprile per rapina aggravata, commessa a Pescara.

In concorso con altre persone, ricorda il dirigente del Commissariato, il commissario capo Fabio Capaldo, si era introdotto all’interno di un ristorante ed aveva colpito a pugni un dipendente del locale per farsi consegnare, con violenza e minaccia, il denaro contenuto nella cassa.

In seguito, veniva sottoposto agli arresti domiciliari a Vasto presso l’abitazione di una sua conoscente.

Successivamente, a seguito di altri reati, aveva subito un aggravamento della misura ed era stato sottoposto alla custodia cautelare in carcere, presso la Casa Circondariale di Vasto.

Nello scorso aprile aveva avuto nuovamente la concessione degli arresti domiciliari presso la predetta abitazione, con il divieto di allontanarsi senza autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria e con il divieto di comunicare con qualsiasi mezzo, con persone diverse da quelle con lui conviventi.

L’8 giugno, nel corso di controlli mirati finalizzati alla verifica del rispetto delle prescrizioni cui sono sottoposti i soggetti destinatari di misure di prevenzione e cautelari disposte dall’Autorità Giudiziaria, gli operatori della Squadra Volante hanno proceduto al controllo nell’abitazione dell’uomo, sorprendendolo prima in compagnia di tre soggetti di origini marocchine e successivamente fuori dall’abitazione con altre persone.

A carico dell'uomo pendono numerosi pregiudizi di Polizia per vari reati, soprattutto quelli contro la persona. E più volte è stato denunciato per evasione dalla detenzione domiciliare e per inosservanza delle prescrizioni.

Il Giudice del Tribunale di Pescara ha tenuto conto della personalità e particolare pericolosità sociale del soggetto, privo della capacità di autocontrollo e ne ha disposto l’aggravamento della misura cautelare.

Dopo le formalità di rito l’uomo è stato associato presso la Casa Circondariale di Vasto, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che procede.

redazione

Contatti

redazione@histonium.net
tel. 0873.344007
fax 0873.549800
Via Duca degli Abruzzi, 54
66050 - San Salvo
Accedi Invia articolo Registrati
Cittanet
Questo sito utilizza cookies sia tecnici che e di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo - Informativa completa - OK